Berlusconi: ci sono 600mila migranti che non hanno diritto di restare

Politica

Il leader di Forza Italia definisce l'immigrazione una bomba sociale e chiede all'Europa di mettere in campo tutto il suo peso politico coinvolgendo Stati Uniti, Cina e Russia. E attacca: "Oggi il nostro Paese nel mondo non conta nulla". LO SPECIALE ELEZIONI

L'immigrazione "è una questione urgentissima" perché dopo gli anni di governo "della sinistra" ci sono 600mila migranti che "non hanno diritto di restare", che rappresentano "un bomba sociale pronta a esplodere, perché pronti a compiere reati". Lo ha detto Silvio Berlusconi, durante un'intervista tv. 

"L'Europa metta in campo tutto il suo peso politico"

"Un governo italiano autorevole e ascoltato dovrebbe esigere dall'Europa di mettere in campo tutto il suo peso politico per stipulare trattati con i Paesi del Nord Africa per impedire gli imbarchi dei migranti, altri trattati con i Paesi d'origine dei migranti per accogliere i rimpatriati - ha detto il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi - È indispensabile dare vita a un grande piano Marshall per l'Africa, coinvolgendo Stati Uniti, Cina, Russia, paesi del petrolio, affinché con grandi imprese internazionali possa nascere in Africa un'economia che dia una speranza di benessere. Per questo serve che l'Italia torni contare come quando al Governo c'eravamo noi, oggi l'Italia nel mondo non conta nulla". 

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24