Elezioni, Fontana: "Frase inopportuna ma Costituzione parla di razze"

Politica
Fontana_LaPresse

Il candidato del Centrodestra alla presidenza della regione Lombardia torna sull'espressione utilizzata mentre parlava dei migranti. Ammette di aver sbagliato ma aggiunge: "Il tema va affrontato"

Dopo le polemiche suscitate dalla frase in cui parla di "razza bianca", Attilio Fontana torna sui termini utilizzati durante un’intervista rilasciata a Radio Padania: "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un’espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato".

"Bisognerebbe cambiare anche la Costituzione"

Il candidato presidente della Regione Lombardia per il centrodestra (LO SPECIALE ELEZIONI) aveva detto che l'Italia non può "accettare tutti" gli immigrati e che la "razza bianca", la "nostra società", rischiano di essere "cancellate" dal fenomeno dell'immigrazione non controllata. Ora, dopo aver ammesso di aver sbagliato, Fontana ricorda che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze". "Io - ha poi precisato Fontana - volevo sottolineare come un discorso lasciato al caso e all'improvvisazione rischi di essere devastante per il nostro Paese. Solo questo. Da cittadino italiano mi vergogno di vedere una serie di immigrati che vivono nelle case abbandonate, mi preoccupo di come tanta gente per sopravvivere sia costretta ad entrare nella malavita organizzata".

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24