Ostia, Di Pillo dopo la vittoria: "Non faremo patti con criminalità"

Politica
di_pillo_ostia_ansa_2

Così la neo presidente del M5S in conferenza stampa, dopo l'elezione nel X Municipio di Roma: "Governeremo con regole ferree". E sul commento della candidata del centrodestra: "A noi i voti di CasaPound e degli Spada? Picca offende gli elettori onesti"

Prime parole da presidente eletta del municipio di Ostia per Giuliana Di Pillo che, dopo la vittoria del Movimento 5 Stelle, annuncia: "Noi governeremo con regole ferree, non facendo entrare la criminalità nelle istituzioni. Fuori tutti, fuori tutte le persone che non seguono le regole e mai patti mai con nessuno”. Di Pillo risponde poi al commento della candidata del centrodestra Monica Picca, secondo cui i voti di Casapound e del clan Spada sarebbero andati al Movimento Cinque Stelle: "Picca ha mancato di rispetto agli elettori onesti". E sull'astensione: "Daremo grande spazio all'ascolto".

"Sempre bandi pubblici"

La legalità sarà uno dei temi principali su cui Di Pillo sarà chiamata a misurarsi: "Non faremo entrare la criminalità nelle istituzioni, non faremo mai patti con nessuno. Faremo sempre bandi pubblici perché non è giusto fare affidamenti diretti. Dobbiamo stare a fianco delle forze dell'ordine che devono fare la loro parte e credo sia importantissimo lavorare a livello inter-istituzionale”.

Al M5S voti di CasaPound e degli Spada? "Mi faccio una risata"

Al commento della candidata del centrodestra Monica Picca secondo cui Di Pillo avrebbe ricevuto i voti di CasaPound e del clan degli Spada, la neo presidente M5S risponde: “Mi faccio una risata. La mia avversaria ha avuto una reazione poco elegante e inopportuna, probabilmente non ha accettato la sconfitta. Con quelle dichiarazioni ha offeso i cittadini onesti che si sono recati alle urne e hanno espresso la preferenza per il M5S”. “Basta polemiche - conclude - bisogna ripartire e trovare la strada di progetti, pacificazione e andare avanti in maniera costruttiva”.

"Astensione? Daremo grande spazio all'ascolto dei cittadini"

Sull'elezione a Ostia meritano grande attenzione i numeri dell'affluenza, con l'astensione alle stelle: solo il 33,6% degli elettori ha votato. "L'astensione c'è stata e non possiamo negarlo ma il territorio viene da due anni di commissariamento - spiega Di Pillo - L'amministrazione straordinaria ha lavorato molto bene sul ripristino delle regole però proprio perché era una commissione straordinaria e non una parte politica non ha potuto coinvolgere i cittadini come un’amministrazione con delle commissioni e consigli dove i cittadini possono essere coinvolti".

"Ci sarà un Lungomuro diverso, si vedrà il mare"

Sulla questione del Lungomuro sul litorale di Ostia, Di Pillo annuncia: “L'abbattimento del Lungomuro? Oggi verrà presentato il piano di utilizzazione degli arenili in cui saranno specificate le regole per avere un lungomare diverso. Noi ci teniamo molto a che i cittadini si riapproprino del proprio mare e possano vedere l'orizzonte quando camminano. Non a caso siamo qui sul pontile che è un simbolo di aria e in questo territorio serve respirare aria diversa”.

Politica: I più letti