Bankitalia, confermato Visco. Polemica per i "renziani" assenti al Cdm

Politica

Il presidente della Repubblica ha firmato il decreto che conferma il governatore della Banca d’Italia. Renzi: "La discussione è terminata, buon lavoro"

"La discussione è terminata, buon lavoro a Visco". Matteo Renzi mette il punto sulla vicenda Bankitalia.  Dalla Sicilia, dove è andato per sostenere la candidatura di Fabrizio Micari, il leader del Pd spegne le polemiche: "Ci sono state opinioni diverse anche al nostro interno, le ho espresse in modo sereno e  chiaro. Si è fatta una scelta diversa e noi auguriamo buon lavoro al governatore".

Il caso dei ministri renziani assenti al Cdm

Ma è a Roma, a Palazzo Chigi, che la questione Bankitalia resta un tema caldo. Nel Cdm lampo in cui il premier Paolo Gentiloni ha formalizzato l'intenzione di confermare Ignazio Visco, gli esponenti più vicini al leader dem non si sono presentati. Formalmente, Maurizio Martina risultava impegnato con la Conferenza e Luca Lotti con un evento sullo sci fissato da tempo. Graziano Delrio era ammalato. Come Maria Elena Boschi, che ha anche dovuto cancellare un appuntamento pubblico in agenda.

La replica: nessun complotto

"Da Renzi non è partito alcun ordine", spiegano secchi dall'entourage del leader dem. Tra i renziani, il tema del complotto viene smontato pezzo per pezzo. Qualcuno mostra anche gli sms “pre Cdm” di un Delrio particolarmente abbattuto per la malattia. Lo stesso tono viene usato per quel che riguarda il “barometro”dei rapporti Gentiloni-Renzi. "Ciascuno rimane con le proprie idee, ma non cambia nulla rispetto al desiderio di lavorare insieme per il futuro del Paese", sono le parole  dello stesso leader del Pd. 

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.