Cinisi, due fratelli feriti: convalidato il fermo per l’aggressore

Sicilia

Disposta la custodia cautelare per il 19enne che ha ammesso di aver sparato ai due giovani la notte di domenica. L’aggressore ha risposto questa mattina alle domande del gip

È stato convalidato il fermo per il 19enne che ha ammesso di aver sparato ai due fratelli Emanuele e Roberto Bozzo la notte di domenica, a Cinisi, nei pressi di un distributore di benzina nel corso principale del paese. Il gip Clelia Maltese ha disposto per il ragazzo la custodia cautelare in carcere.

La posizione del 19enne

Il 19enne, assistito dall'avvocato Maurilio Panci, è accusato di tentato omicidio aggravato dai futili motivi, detenzione abusiva di arma e munizionamento e ricettazione. Il giovane ha risposto questa mattina alle domande del gip.

Le indagini

Le indagini condotte dai carabinieri sono state coordinate dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Chiara Capoluongo. Dopo la rissa a Terrasini iniziata tra l'attuale fidanzata del fermato e la sua ex, imparentata con i fratelli feriti, il 19enneha cercato per tutta la notte i due Bozzo per vendicarsi. Uno dei due, avrebbe colpito la fidanzata con un pugno. Un'aggressione da punire per il giovane. Dopo averli rintracciati al distributore ha fatto fuoco. Alcuni colpi sono stati trovati nei muri dell'abitazione di una parente delle vitttime. Non è chiaro se siano stati sparati prima del tentato omicidio o dopo.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24