Diportista disperso in mare: trovati resti imbarcazione nel Trapanese

Sicilia
©Ansa

I pezzi della barca, che sarebbe dunque naufragata, sono stati localizzati nella zona al largo del golfo di Castellammare del Golfo, in un tratto marino molto profondo

Sono stati trovati alcuni resti dell'imbarcazione di Andrea Taormina, imprenditore palermitano 49enne, scomparso in mare mentre era in navigazione con la sua barca a vela da San Vito Lo Capo a Balestrate. Alcuni pezzi dell'imbarcazione, che sarebbe dunque naufragata, sono stati localizzati nella zona al largo del golfo di Castellammare del Golfo, in un tratto di mare molto profondo. Durante la traversata le condizioni meteo erano buone e il mare calmo.

Le indagini

approfondimento

Diportista disperso in mare: ricerche nel Palermitano e nel Trapanese

Dalle prime indagini degli uomini della guardia costiera non sembra che ci siano state collisioni. L'ipotesi più probabile è che sia divampato un incendio a bordo dell'imbarcazione che ne ha provocato l'affondamento. L'ultima cella agganciata dal cellulare di Taormina è proprio nella zona dove sono stati trovati i resti dell'imbarcazione di colore blu che sono simili alle foto del natante in possesso agli uomini della capitaneria di porto del comando di Palermo che da 48 ore stanno conducendo le ricerche nel tratto di mare tra San Vito e Balestrate con motovedette e mezzi aerei. L'allarme era stato lanciato ieri dalla compagna del velista, che era solo a bordo, dopo il mancato arrivo nel porto di Balestrate.

L'appello del fratello

"Mio fratello Andrea è partito martedì alle 19.30 da San Vito Lo Capo diretto a Balestrate. Ad aspettarlo in banchina attorno alle 23.30 la sua compagna Dalila, quando non lo ha visto arrivare ha chiamato subito i soccorsi anche perché il telefonino era spento da mezzanotte e mezzo". È quanto ha raccontato Riccardo Taormina, il fratello dell'imprenditore scomparso in mare a bordo della sua imbarcazione a vela nel mare tra San Vito Lo Capo e Balestrate, durante la trasmissione Chi l'Ha Visto di Rai3. "Mio fratello è esperto ha un patentino da skipper - aggiunge Riccardo - Noi ringraziamo le forze dell'ordine Guardia Costiera e Carabinieri che si stanno prodigando nelle ricerche ma chiediamo aiuto a tutti. Una barca a vela non può sparire nel nulla in un tratto di mare così breve".

I più letti