Covid, in Sicilia 1.768 nuovi contagi su 11.500 tamponi

Sicilia

In terapia intensiva ci sono 253 pazienti mentre in totale i ricoverati con sintomi sono 1.545

 

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

Sono 1.768 i nuovi contagi registrati in Sicilia su 11.500 tamponi effettuati. In terapia intensiva ci sono 253 pazienti.

Un medico analista, Francesco Cannizzo, e la moglie positivi al Covid sono deceduti a Vittoria (Ragusa) a distanza di qualche giorno. A darne notizia è stato il parroco della chiesa del Rosario.

Una paziente di 5 anni affetta da microdrepanocitosi, con insufficienza respiratoria grave a causa del Covid, è stata trasferita dall'ospedale San Marco nel reparto di Rianimazione pediatrica al Garibaldi di Nesima, a Catania, dove è stata curata e poi riportata nel nosocomio dove si trovava.

Intanto, I tamponi rapidi hanno accertato che 23 dei 24 ospiti della casa di riposo "Cannizzaro", nel centro di Messina, sono positivi al Covid-19. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE DEL CONTAGIO)

19:54 - In scuole Palermo 3 positivi su 1.431 tamponi 

Sono 3 i positivi asintomatici riscontrati nelle scuole palermitane su 1.431 tamponi eseguiti attraverso le Usca scolastiche. Dal 17 novembre a oggi, l'Asp ha effettuato negli istituti di Palermo e provincia 7.642 tamponi, riscontrando 46 positivi (0,72%). Oggi nell'Istituto Falcone: 219 tamponi con un positivo; nell'Istituto Antonio Ugo: 206 tamponi - nessun positivo; nell'Istituto Florio/San Lorenzo: 300 e nessun positivo; nell'Istituto Giovanni XXIII-Piazzi Palermo: 373 con 2 positivi; infine, nell'Istituto Giovanni XXIII Terrasini 336 e 0 positivi. Domani in programma: Istituto Comprensivo Politeama, Istituto Comprensivo Manzoni Impastato, Istituto Comprensivo Cruillas. Sabato le Usca andranno a eseguire i test nella scuola di Piana degli Albanesi e nell'Istituto Comprensivo San Cipirello. Oggi nel punto drive in della Fiera del Mediterraneo sono stati fatti 908 tamponi con 47 positivi intercettati. Dal 31 ottobre sono stati eseguiti 29.620 tamponi e rintracciati 2.128 positivi.

19:00 - Controlli nel Palermitano, 76 sanzioni in due giorni

Sono state 76 le persone multate negli ultimi due giorni a Palermo per il mancato rispetto delle norme anticovid. Un esercizio commerciale è stato chiuso per 5 giorni. E un titolare è stato denunciato Sono i numeri dei controlli effettuati da carabinieri, polizia, guardia di finanza e polizia municipale coordinati dalla prefettura. Alcune persone sono state trovate senza mascherina, altre non hanno rispettato le norme anti assembramento. Controllate oltre 10.300 persone e 1500 attività commerciali. Dall'inizio del mese le persone multate sono circa 6076 e 18 denunciate, su oltre 45 mila controlli. Su 8.000 esercizi commerciali, ne sono stati multati 21, sette quelli chiusi per 5 giorni.

17:46 - Consiglio comunale di Cefalù: no a ospedale misto 

Il consiglio comunale di Cefalù (Pa) è contrario alla trasformazione dell'ospedale Giglio in ospedale "misto" con un reparto destinato ai pazienti Covid. Il nuovo assetto della struttura - che prevede l'attivazione di otto posti letto per la rianimazione, 15 per l'alta intensità di cura e 18 per la bassa intensità - era stata decisa dalla Fondazione che gestisce l'ospedale. Ma il consiglio comunale ha espresso un orientamento contrario. In un documento votato da 9 consiglieri di maggioranza (quelli di minoranza non hanno votato) viene segnalato che la creazione di un reparto Covid comporterebbe rischi per la sicurezza dei pazienti e degli operatori e un depotenziamento degli altri servizi sanitari. Il consiglio comunale ha indicato un'altra soluzione: quella di promuovere una convenzione tra l'ospedale di Cefalù e quello di Petralia Sottana, nelle Madonie, che è inserito nel piano anti Covid della Regione e ha già attivato una ventina di posti letto.

17:00 - In Sicilia 1.768 nuovi casi su 11.500 tamponi

Sono 1.768 i nuovi positivi al Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore, su 11.500 tamponi effettuati. Sono 49 i decessi, che portano il totale a 1.371. Con i nuovi casi salgono a 38.508 gli attuali positivi con un incremento di 188. Di questi 1.798 sono i ricoverati, 26 in meno rispetto a ieri: 1.545 pazienti in regime ordinario e 253 in terapia intensiva, ancora 3 in più di ieri. In isolamento domiciliare sono 36.710 persone. I guariti sono 1.531. Sul fronte della distribuzione fra province: Palermo fa registrare 516 casi, Catania 502, Ragusa 180, Messina 126, Trapani 116, Enna 109, Siracusa 82, Caltanissetta 80, Agrigento 57.

16:43 - 72 ricoverati a Enna

Sono 72 i ricoverati affetti da Covid-19 nell'ospedale Umberto I di Enna: 57 in malattie Infettive, 10 in arrea semintensiva, 5 in terapia intensiva. Fino a oggi sono 51 i dimessi in novembre. Ieri un' anziana di 90 anni, con patologie pregresse, è deceduta. I pazienti ricoverati provenienti da fuori provincia sono 8, di cui 2 da comuni del Catanese, 2 dal Nisseno, 2 dalla provincia di Palermo, 1 paziente da un comune messinese e 1 da Siracusa. I nuovi contagi, diramati nel consueto bollettino della Regione Siciliana, sono 170. I dati sono forniti da Asp di Enna.

15:33 - 41 nuovi positivi in provincia di Agrigento, 3 morti 

Sono 41 i nuovi positivi, 9 i ricoverati, 3 deceduti e 56 guariti oggi in provincia di Agrigento; 398 i tamponi eseguiti. I dati sono dell'azienda sanitaria provinciale. I positivi in totale sono 2.128, di questi 1.003 i guariti, 981 in trattamento domiciliare, 82 ricoverati (7 in terapia intensiva), 62 deceduti. Tra le città con il maggior numero di soggetti postivi spiccano Canicattì con 243, poi Agrigento 187, Sciacca 186, Sambuca di Sicilia 169, Licata 163, Favara 125 e Palma di Montechiaro 119.

13:48 - Asp Catania, 5 linee telefoniche per sostegno sociale

L'Asp di Catania ha riattivato cinque linee telefoniche dedicate ad attività di consulenza, sostegno sociale e gestione della rete territoriale per l'accesso ai servizi socio-sanitari. "Con questa nuova opportunità, in armonia con le indicazioni dell'assessorato regionale della Salute, guidato da Ruggero Razza" l'Asp di Catania spiega che "intende dare una risposta alle istanze di sostegno e supporto sociale dei cittadini in questa nuova fase di emergenza, che presenta nuove caratteristiche rispetto alla precedente". "Durante la prima fase - sottolinea l'Asp di Catania - il Servizio Sociale Professionale, con analogo intervento, ha preso in carico 476 istanze che - grazie alla sinergia con il Dipartimento di Prevenzione e il Dipartimento per le Attività territoriali, nonché con i Distretti sanitari e i Servizi aziendali, i Comuni, le Forze dell'Ordine, il volontariato e il privato sociale - sono state orientate alla rete assistenziale socio-sanitaria, garantendo un'attività di primo ascolto e consulenza telefonica; di sostegno per le famiglie; di supporto per una corretta interpretazione delle disposizioni nazionali e regionali sul Covid-19 in ambito socio-sanitario; di sostegno telefonico agli utenti e ai loro familiari già in carico presso i servizi, e in generale a tutte e persone con condizioni di fragilità e vulnerabilità”.

13:01 - Attivo 'drive in' Asp per screening gratis a Catania

Si sta svolgendo con regolarità il prelievo per tamponi rapidi per Covid-19 in corso nell'ex mercato ortofrutticolo di San Giuseppe La Rena a Catania che fino a domani è riservato alla popolazione scolastica. Alunni e docenti che si sono prenotati, infatti, potranno usufruire dello screening realizzato dall'Azienda sanitaria provinciale. L'Amministrazione Comunale, che ha curato la logistica mettendo a disposizione dell'Asp3 l'area mercatale dismessa di San Giuseppe La Rena, ha scelto una zona ampia e lontana dai principali flussi viari cittadini per realizzare un 'drive in', ritenuto metodo più sicuro per i tamponi. Un sopralluogo di verifica è stato effettuato dal capo di gabinetto Giuseppe Ferraro e dal responsabile della protezione civile comunale Marco Romano, che con le direttive dell'assessore Alessandro Porto, hanno curato l'approntamento dei servizi necessari alla funzionalità del sito, per accogliere e indirizzare ordinatamente i flussi dei cittadini, che devono rimanere dentro le automobili per evitare ogni contatto esterno.

11:45 - Sicindustria, prorogare chiusura progetti

"Una proroga straordinaria per la chiusura dei progetti e una maggiore flessibilità nella realizzazione dei programmi". È quanto chiede Sicindustria alla Regione siciliana per salvaguardare le imprese, un centinaio circa, che, dopo essersi aggiudicate il bando a valere sull'azione 3.4.2 del Po Fesr, "Incentivi all'acquisto di servizi di supporto all'internazionalizzazione", e aver pianificato investimenti in progetti di promozione, partecipazione a fiere ed eventi internazionali, si sono trovate di fronte allo stop imposto dall'emergenza da Covid 19. Risultato: sospese forniture, fiere, consegne e imprese in ritardo non solo sulla tabella di marcia aziendale ma anche sulle scadenze previste. Da qui il paradosso perché gli imprenditori ora rischiano di non poter completare l'intervento finanziato per cause a loro non imputabili e di dover però restituire quanto incassato fin qui per non aver completato il programma. "Ci troviamo in una situazione veramente complicata - dice Alessandro Albanese, vicepresidente vicario di Sicindustria -. Ci sono infatti aziende, e mi arrivano ogni giorno parecchie segnalazioni, che hanno bisogno di più tempo per completare gli investimenti e pochi mesi non basteranno affatto". 

11:42 - Asp Enna: "Percentuale più alta per numero di posti letto"

"Leggo di incredibili dichiarazioni su presunte inefficienze organizzative dell'Asp di Enna. A prova di qualunque ispezione, noi abbiamo sempre, tempestivamente, correttamente, comunicato i dati. Se fosse vero il contrario, eventuali scostamenti regionali dovrebbero corrispondere ai soli dati di Enna. È evidente a tutti che non è così". Lo afferma Francesco Iudica, direttore generale delľAsp di Enna, sottolineando che "c'è un ulteriore dato che, ben più importante, andrebbe detto". "Chi lo volesse conoscere - aggiunge - vada a guardare quanti posti letto Covid, di rianimazione ed ordinari, ha messo a disposizione ľAsp di Enna, e quanti altri, e si faccia un calcolo di essi in proporzione della popolazione, dei posti letto complessivi aziendali e del numero di anestesisti dipendenti. E lo confronti con altre realtà". "Voglio solo ricordare che nella precedente ondata - sottolinea Iudica - Enna ha avuto riconosciuto dall'Assessorato, con Decreto 469/2020 la più alta premialità in Sicilia per avere dato il maggior contributo al contrasto del'epidemia, noi che siamo la provincia più piccola, per il più alto numero di pazienti curati: 673.000 euro a fronte di un dato medio regionale per le altre Aziende di 277.000 euro. E tanto basti".

7:40 - Morti a Vittoria un medico e la moglie

Un medico analista, Francesco Cannizzo, e la moglie sono stati stroncati dal Covid a Vittoria (Rg) a distanza di qualche giorno. La settimana scorsa era morta la donna, oggi il marito. A darne notizia è stato il parroco della chiesa del Rosario dove il dottor Cannizzo, che dirigeva un laboratorio di analisi, faceva volontariato e opera di evangelizzazione. Nei giorni scorsi a Vittoria, dove sono stati individuati oltre 900 contagiati, erano morti anche il farmacista Rosario Guastella e l'infermiere Giovanni Russo. 

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.