Trapani, neonato lanciato da finestra: confessa madre minorenne

Sicilia
©Ansa

La polizia sta valutando anche le posizioni della madre della ragazza e della collaboratrice domestica che si trovavano in casa al momento dei fatti

Dopo un lungo interrogatorio, spesso interrotto da crisi di pianto, è stata arrestata con l'accusa di omicidio volontario la ragazza di 17 anni che a Trapani ha lanciato dalla finestra della sua abitazione il bambino che aveva appena partorito. La minorenne ha confessato di aver compiuto il gesto. Nel corso dell'esame la ragazza avrebbe detto di aver tenuto quella gravidanza all'oscuro dei propri genitori per paura di una loro reazione. Del caso si occupa la Procura minorile di Palermo. Intanto, la 17enne si trova ancora ricoverata nel reparto di ginecologia dell'ospedale Sant'Antonino abate di Trapani. (LA VICENDA)

Gli accertamenti

La polizia sta valutando anche le posizioni della madre della ragazza e della collaboratrice domestica che si trovavano in casa al momento dei fatti. Le due donne hanno sostenuto di non essersi accorte del parto e della soppressione del neonato. Al momento dell'arrivo degli agenti in casa, c'era la collaboratrice domestica. La giovane era visibilmente scossa e ha subito ammesso di essere stata lei a lanciare il bambino dalla finestra. Il suo racconto ha trovato conferma nelle tracce di sangue trovate sul davanzale della finestra della sua camera da letto. La polizia ha anche recuperato nel contenitore della spazzatura asciugamani e indumenti da bagno con altre tracce di sangue.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24