Coronavirus, rinviata la riapertura del Teatro antico di Taormina

Sicilia

Sono in corso i lavori di adeguamento alle misure di sicurezza, tra cui l'installazione dei tornelli per l'ingresso individuale. Servirà a distanziare i turisti evitando assembramenti nell'area della biglietteria principale di via Teatro Greco e nel secondo ingresso di via Bagnoli Croce

La riapertura del Parco Archeologico Naxos Taormina, prevista per il prossimo 18 maggio, è stata rinviata di qualche giorno. Nel Parco, all'interno del quale si trova il famoso e molto visitato Teatro antico di Taormina, sono in corso i lavori di adeguamento alle misure di sicurezza da adottare per contrastare il contagio durante la Fase 2 (LE RIAPERTURE - FAQ SUL NUOVO DECRETO) dell'emergenza Coronavirus (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE). Tra le misure anti-covid sono previsti l'ingresso solo con biglietto elettronico e lettura digitale del QRcode, la misurazione della temperatura corporea e l'entrata dei visitatori muniti di guanti e mascherina.

Le misure di sicurezza

approfondimento

Coronavirus, riaperture e spostamenti da 18 maggio: cosa si potrà fare

Al Teatro antico è in corso l'installazione dei tornelli per l'ingresso individuale, filtro che servirà a distanziare i turisti evitando assembramenti nell'area della biglietteria principale di via Teatro Greco e nel secondo ingresso di via Bagnoli Croce. Nello stesso ingresso sono ripresi i lavori dell'Enel per lo spostamento della cabina, mentre su uno dei Belvedere procede il cantiere per la trasformazione dell'edificio Ex Semaforo in una caffetteria affacciata sul mare. Quest'ultima dovrebbe essere terminata entro agosto. A Naxos, infine, si sta installando la nuova segnaletica lungo l'Area archeologica dell'antica polis greca.

La direttrice: "Indispensabile garantire salute e sicurezza"

"Raccogliendo le istanze della comunità di Taormina e Giardini - spiega la direttrice del Parco, l'archeologa Gabriella Tigano -, duramente messe alla prova dallo stop di questi mesi, e consapevoli che la riapertura dei siti monumentali rappresenta un fattore di attrazione per rimettere in moto l'economia del territorio così fortemente legata al turismo, sia pure di prossimità in questa prima fase, ci siamo attivati da subito per gli adeguamenti previsti dalle misure anti-covid. E poiché è indispensabile garantire salute e sicurezza sia ai visitatori, che alle maestranze e ai custodi del parco - conclude -, chiediamo di pazientare ancora qualche giorno in vista della riapertura che, come annunciato, prevede in particolare per Taormina l'esperienza suggestiva delle visite serali e sotto le stelle".

I più letti