Coronavirus Sicilia, cala il numero complessivo dei contagiati: -7

Sicilia

Si registrano dodici nuovi positivi al coronavirus in Sicilia, ma diminuisce il numero complessivo degli attualmente contagiati: -7 rispetto a ieri. Le persone guarite sono 18 in più, 257 i decessi totali dall'inizio dell'emergenza

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Sicilia

 

Si registrano dodici nuovi positivi al coronavirus in Sicilia, ma diminuisce il numero complessivo degli attualmente contagiati: -7 rispetto a ieri. Le persone guarite sono 18 in più, 257 i decessi dall'inizio dell'emergenza.

Intanto nelle isole Eolie 240 imprenditori aderenti a Assoimprese questa mattina hanno consegnato le chiavi delle loro aziende al Comune di Lipari ed alla sede dell'Agenzia delle Entrate. "Dopo quasi due mesi e mezzo - dice Alessandro Crivelli, il presidente di Assoimprese Eolie - non abbiamo ricevuto alcun segnale dallo Stato e dalla Regione. In queste condizioni non possiamo aprire". (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

18:54 - Mafia: scarcerato per rischio di contagio, boss torna in cella

E' stato riarrestato il capomafia di Favignana Vito D'Angelo, tra i boss messi ai domiciliari per motivi di salute e per il rischio di contagio da Covid-19 in carcere. A liberarlo era stato il tribunale di Trapani che lo processa per associazione mafiosa. Appena tornato a casa il boss è stato trovato, durante un controllo, in compagnia di persone non autorizzate dai giudici a frequentarlo. Una violazione che ha indotto il procuratore aggiunto di Palermo Paolo Guido e il pm Gianluca de Leo a chiedere al tribunale l'aggravamento della misura cautelare. D'Angelo, già in precedenza messo ai domiciliari per problemi di salute e poi riarrestato sempre per avere violato i provvedimenti dei magistrati, è dunque tornato in cella. 

18:40 - Fase 2, sindaco Catania: "Mercoledì riapre la Fiera"

Interventi di manutenzione del basolato lavico prima della sanificazione dell'area che avverrà martedì notte ed ultimi accorgimenti organizzativi stanno precedendo a Catania la riapertura della Fiera, mercato storico di piazza Carlo Alberto, fissata per mercoledì prossimo e per ora limitatamente ai 132 rivenditori di generi alimentari. Lo ha annunciato il sindaco Salvo Pogliese dopo un sopralluogo per una verifica degli ultimi dettagli e per incontrare alcuni esercenti, ai quali ha garantito che le vendite avverranno nel rispetto della sicurezza degli operatori e dei cittadini. Anche per questo, oltre agli interventi manutentivi sui marciapiedi e sulle strade, si sta approntando il controllo dei varchi d'accesso, che sarà curato da polizia municipale e provinciale, da personale della Sostare e dalla Protezione civile comunale per garantire il contingentamento. Il sindaco ha raccomandato "la collaborazione degli operatori commerciali, soprattutto per il mantenimento dell'igiene e la pulizia dei luoghi", ed annunciato che "dalla prossima settimana si lavorerà per far ripartire anche il settore non alimentare, che ha circa 700 concessioni". Nel pomeriggio l'assessore Balsamo ha guidato un ultimo sopralluogo tecnico per rifinire gli ultimi dettagli esecutivi prima dell'apertura del mercato confermando l'utilizzo del termo scanner della Cri e dell'App conta persone.

17:51 - In Sicilia cala il numero complessivo dei positivi: -7

Dodici nuovi positivi al coronavirus in Sicilia, ma diminuisce il numero complessivo degli attualmente contagiati: 2.062 (-7). Dall'inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 103.134 (+731 rispetto a ieri), su 92.609 persone: di queste sono risultate positive 3.339 (+12), 1.020 sono guarite (+18) e 257 decedute (+1). Degli attuali 2.062 positivi, 287 pazienti (-2) sono ricoverati - di cui 16 in terapia intensiva (0) - mentre 1.775 (-5) sono in isolamento domiciliare. Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana. Questa la divisione degli attuali positivi nelle varie province: Agrigento, 67 (0 ricoverati, 69 guariti e 1 deceduto); Caltanissetta, 98 (15, 53, 11); Catania, 698 (64, 254, 94); Enna, 246 (58, 146, 29); Messina, 354 (64, 151, 52); Palermo, 386 (57, 127, 31); Ragusa, 37 (4, 50, 7); Siracusa, 109 (23, 103, 27); Trapani, 67 (2, 67, 5). Il prossimo aggiornamento avverrà domani. Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

17:22 - Controlli su pullman, 25enne sorpreso in possesso droga

I carabinieri hanno arrestato, e messo ai domiciliari, un venticinquenne di San Biagio Platani (Ag), G. F., blccato a bordo di un pullman di linea partito da Palermo e diretto ad Agrigento. I militari, nel corso di un controllo a Lercara Friddi, hanno verificato le ragioni del viaggio da parte dei passeggeri a bordo del mezzo. Il ragazzo non ha saputo spiegare perché fosse andato a Palermo. Perquisito, aveva con sé 100 grammi tra marijuana e hashish e circa 100 ml di metadone.

17:21 - Federazione piccole imprese: "In Sicilia serve incontro su turismo balneare"

"In Sicilia urge al più presto la convocazione di un tavolo di confronto sul turismo balneare. Il settore è in grave crisi, per questo chiediamo all'assessore regionale, Manlio Messina, di convocare le associazioni di categorie e gli enti locali per lavorare ad un piano operativo che possa assicurare l'avvio della stagione estiva". Lo dice, in una nota, il presidente nazionale della Federazione autonoma di piccole imprese, Gino Sciotto. "E' necessaria una strategia complessiva che coinvolga tutti i protagonisti della filiera del turismo estivo affinchè, adottando ogni misura di sicurezza possibile, si possano riavviare tutte le strutture balneari e ricettive presenti nell'Isola. Il turismo in Sicilia, davvero, non può fermarsi ma merita di essere rilanciato, perché rappresenta uno dei punti di forza del Pil regionale", conclude Sciotto. 

17:18 - L'Anci Sicilia al governo: "Pretendiamo regole certe"

L'assemblea straordinaria dell'Anci regionale si è aperta nel pomeriggio in video conferenza alla presenza dei 390 sindaci dell'isola, con il titolo "No virus! No annunci!". "Ribadiremo ancora una volta le proposte dei sindaci rivolte al governo nazionale, al governo della Sicilia e alle istituzioni europee", spiega il presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando. A fronte del "doveroso rispetto" di divieti e di salute, le autonomie locali chiedono "e a nome dei cittadini pretendono, regole certe di sicurezza", settore per settore, dalle strutture sanitarie e di volontariato alle fasce più deboli e nuovi poveri, dalle attività produttive ai teatri, dal turismo allo sport, dalle attività artistiche e culturali a quelle commerciali e della ristorazione e chiedono e "pretendono corrispondenti risorse finanziarie per imprese e famiglie". Per Anci Sicilia, "in favore dei Comuni e degli enti intermedi è necessaria una erogazione straordinaria per compensare le perdite di esercizio e di tariffe, tasse e fiscalità locale dipendenti da una condizione sanitaria ed economica di emergenza. Occorre inoltre liberare risorse disponibili e ancora bloccate dal precedente Patto di stabilità, oggi sospeso a livello europeo ma ancora applicato con normative nazionali recanti vincoli di spesa non più giustificati". I sindaci chiedono di "superare criticità e tempi troppo lunghi per l'utilizzo dei fondi europei. Nell'attesa - conclude Orlando - chiediamo con tutta la forza di una drammatica emergenza nazionale socio-economica di riprodurre e rifinanziare adeguatamente l'ordinanza di Protezione civile nazionale che ha consentito concretamente di soddisfare l'esigenza alimentare e di prima necessità di decine e decine di famiglie e persone deboli e di nuovi poveri, in Sicilia come in tutta Italia".

17:18 - Azienda dona ecografo a ospedale di Cefalù

E' stato donato alla Fondazione Giglio di Cefalù dalla società 'Esaote' un ecografo, di ultima generazione, con software per lo studio dei polmoni da utilizzare in fase di diagnosi di Covid-19. "Ringrazio l'amministratore di Esaote Franco Fontana per la sensibilità mostrata e il sostegno al nostro istituto in un particolare momento per la sanità italiana", dice il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano. La consegna dell'ecografo in mattinata alla presenza, oltre che del presidente Albano, di Peter Mostacci di Esaote, del responsabile dell'ingegneria clinica della Fondazione Giglio, Giuseppe Fatuzzo, e della responsabile dei sistemi informativi sempre dell'ospedale Daniela Salvaggio. E' un ecografo che consente un impiego multidisciplinare essendo dotato di tre sonde di cui una per la cardiologia e due per uso internistico. Inoltre, è stato configurato per indagini su pazienti Covid-19 in quanto dotato di un software per lo studio ecografico polmonare che consente la rapida visualizzazione di eventuali polmoniti interstiziali bilaterali.(

17:09 - Rifiuti, riprende ritiro a domicilio degli ingombranti a Palermo

Riprende dalla prossima settimana il servizio di ritiro a domicilio degli ingombranti da parte della RAP, che era stato interrotto con altri servizi in seguito all'emergenza Covid-19. Le prenotazioni del ritiro possono essere fatte già da oggi tramite l'Ufficio Relazioni con il pubblico ( numero verde 800237713 - mail: urp@rapspa.it). Sempre da oggi è tornato attivo anche il Centro Comunale di Raccolta della rotonda Oreto, dopo che già da alcuni giorni erano stati riaperti quello di viale dei Picciotti e quello di via Nicoletti. In tutti i CCR, così come nei servizi che l'Azienda, step dopo step, sta riattivando, i conferimenti dovranno essere effettuati nel rispetto e in applicazione delle prescrizioni contenute nei DPCM e nelle ordinanze regionali di riferimento per il contenimento alla diffusione del Covid -19 e, principalmente, tenendo conto del distanziamento sociale. 

16:41 – Asp Trapani: “Indice del contagio è sceso a zero”

La curva dell'epidemia da coronavirus nella provincia di Trapani conferma la tendenza discendente, e in piena Fase 2, dopo 67 giorni, i numeri indicano che l'indice del contagio è sceso a zero. Ne dà notizia l'Asp di Trapani. Nel Covid-hospital di Marsala il numero dei malati si è ridotto a due, prossimi ormai alle dimissioni, il che rende possibile programmare il ripristino dell'ordinaria attività dell'ospedale 'Paolo Borsellino' e la rifunzionalizzazione dell'ex ospedale 'San Biagio' da destinare a Covid-hospital provinciale, così come annunciato nei giorni scorsi dall'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, nel corso della sua ultima visita a Marsala. "Sarà necessario attendere almeno fino al 18 maggio per fare il punto della situazione in relazione all'evoluzione dell'infezione da Covid-19 in considerazione di eventuali nuovi contagi - dice il direttore generale dell'Asp di Trapani Fabio Damiani -. Solo allora sarà possibile delineare un cronoprogramma per la realizzazione di questo piano di recupero che comunque potrà essere completato non prima di novembre". Il progetto di ristrutturazione del nosocomio di piazza San Francesco, un edificio di quattro piani realizzato negli anni'70 con una struttura intelaiata in cemento armato in ottimo stato di conservazione, prevede il completamento dei lavori entro il prossimo autunno assicurando ai cittadini un'area completamente nuova, ristrutturata ed efficiente pronta per un eventuale nuovo picco epidemico invernale.

15:46 – Afferma che "la pandemia non c'è" e gli fanno Tso: interviene il Garante

Andava in giro con la sua auto a Ravanusa (Agrigento) e col megafono diceva che la pandemia non esiste e che la gente doveva uscire e ricominciare a vivere. Per questo Dario Musso, 33 anni, il 2 maggio scorso è stato fermato dai carabinieri e vigili urbani e alla presenza dei medici, il cui intervento era stato chiesto dalle forze dell'ordine, è stato gettato a terra, bloccato mettendogli le gambe sulla schiena, sedato e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio che poi è stato convalidato dal sindaco Carmelo D'Angelo. Sul prestampato della proposta di tso i medici hanno scritto che l'uomo presentava "scompenso psichico e agitazione psicomotoria". Dopo che la notizia coi relativi video delle fasi del fermo di Musso e di quando è stato immobilizzato, e poi l'audio della sua telefonata dall'ospedale di Canicattì ai familiari, in cui diceva di essere legato, sono rimbalzati su You tube e sui social il Garante nazionale delle persone private della libertà, ha chiesto una relazione d'informazione al sindaco e alle autorità sanitarie, relativamente alle modalità di attuazione e al successivo sviluppo di tale trattamento. "Le immagini - dice una nota del garante - delineano una situazione quantomeno irrituale, essendo stata la persona atterrata prona sull'asfalto dagli agenti intervenuti, poi ammanettata e sedata in loco con una iniezione farmacologica". Il fratello di Dario l'avvocato Lillo Musso chiede se "si può disporre un tso per un'opinione politica" e su Fb racconta che il fratello sta male e dopo essere tornato a casa per fare le analisi ha urinato sangue e il padre ha difficoltà a ottenere la cartella clinica" Il Garante nazionale ha chiesto informazioni sulle persone che hanno operato (il Corpo di appartenenza degli agenti e l'Azienda sanitaria da cui gli operatori sanitari dipendono) e di conoscere gli elementi che hanno indotto all'avvio della procedura; gli estremi della convalida del provvedimento di Tso da parte del Giudice tutelare; i tempi intercorsi tra la disposizione del Tso stesso e la sua convalida; la durata del trattamento". Ascoltato l'audio della telefonata tra Musso e i propri congiunti il Garante ha richiesto un chiarimento all'autorità sanitaria sull'impiego della contenzione meccanica, le terapie in essere e le condizioni attuali della persona.

13:29 - Verso ripartenza eventi culturali a Catania

Ripartenza per i teatri e gli eventi culturali in città gettando le basi di un vero e proprio 'Modello Catania'. Su quest'argomento si sono confrontati in videoconferenza l'amministrazione comunale di Catania - rappresentata dall'assessore alla cultura e ai grandi eventi Barbara Mirabella, promotrice dell'iniziativa, accompagnata dal dirigente della direzione Cultura Paolo Di Caro, e i presidenti degli ordini degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori Alessandro Amaro, dell'Ordine degli Ingegneri Giuseppe Platania e del collegio dei Geometri Agatino Spoto. Durante l'incontro si è discusso su come ripartire in sicurezza con gli eventi e gli spettacoli aperti al pubblico, un settore finora fortemente penalizzato dall'emergenza Coronavirus. 

12:47 - Tre pazienti dimessi da ospedale di Caltagirone

Altri tre pazienti, guariti dal Coronavirus, sono stati dimessi oggi dall'Unità operativa complessa di Malattie infettive dell'ospedale Gravina di Caltagirone. Sono un 62enne, un 91enne e una 87enne, tutti residenti nel Catanese. Per loro i tamponi di controllo sono risultati negativi e da oggi faranno rientro a casa. 

12:27 - Controlli in spiaggia e in ville a Palermo

Posti di blocco a Palermo anche con diversi agenti di polizia, carabinieri e guardia di finanza nei giardini pubblici e nei parchi. Questa mattina sono scattati i controlli nella zona del parco del Foro Italico dove in tanti si erano già ritrovati nella zona a ridosso del mare. Le persone sedute nelle panchine sono state fatte alzare a allontanare per mantenere il distanziamento sociale. Questa mattina a Mondello non c'erano bagnanti. Solo che alcuni operai dei lidi stanno lavorando per preparare la stagione estiva in attesa delle linee guida che dovranno essere approvate dal governo.

12:07 - Sequestrate 15mila mascherine a Catania

Carabinieri del nucleo operativo della compagnia Catania Piazza Dante hanno denunciato un commerciante cinese di 37 anni per commercio di prodotti con segni falsi e frode in commercio. Nel suo negozio militari dell'Arma hanno trovato circa 15 mila mascherine chirurgiche prive di certificazione sanitaria, nonché altro ingente materiale privo del prescritto marchio "CE". Il titolare, per le violazioni commesse in materia di contenimento epidemico, è stato anche sanzionato con la chiusura provvisoria per 5 giorni dell'attività.

 

11:47 - Cannata (Anci): “Default nei servizi essenziali”

"I Comuni devono essere sostenuti o saremo tutti destinati al default e dunque alla mancata erogazione dei servizi essenziali". È l'allarme lanciato dal sindaco di Avola Luca Cannata, vicepresidente vicario di Anci Sicilia che oggi si incontrerà con i sindaci siciliani in un'assemblea straordinaria per definire le proposte del sistema delle autonomie locali da sottoporre alle istituzioni regionali, nazionali ed europee. "Se lo Stato non interverrà come richiesto dai sindaci con l'Anci a livello nazionale, con la previsione per i Comuni di risorse adeguate a fondo perduto e anticipazioni di liquidità per compensare le minori entrate che si stanno verificando a seguito dell'emergenza coronavirus, ci sarà una catastrofe. Al momento la stima è di un minor gettito per i comuni tra i 5 e gli 8 miliardi a fronte di un fondo statale di 3 miliardi previsto nel decreto rilancio che dunque non basta". Come vicepresidente vicario di Anci Sicilia, Cannata sta lavorando affinché possa esserci in queste ore una adeguata compensazione delle minori entrate da Roma per contribuire a fare ripartire il tessuto sociale e produttivo garantendo i servizi essenziali, dalla raccolta dei rifiuti al controllo del territorio all'assistenza sociale.

11:22 - Asm Taormina: "Riaprirà la funivia di Mazzarò"

"I dati epidemiologici in Sicilia ci confortano e i nostri cittadini hanno voglia e bisogno di fare ripartire il lavoro. L'Azienda servizi municipalizzata di Taormina quindi si prepara alla ripartenza in grande sicurezza della funivia di Mazzarò, sistema di trasporto tra i più moderni e panoramici italiani e anche di altri settori come quello dei parcheggi". Lo afferma il commissario dell'Asm, Antonio Fiumefreddo, annunciando che "presto riaprirà uno dei simboli della nostra Taormina, pronta ad accogliere chi vorrà trascorrere giorni sereni e sicuri nella città del Centauro".

10:38 – Distretto della Meccatronica produrrà gel igienizzante per la Protezione civile

Il distretto della Meccatronica produrrà gel igienizzante per la Protezione civile regionale. "Questa nuova commessa - dice il presidente Antonello Mineo - consolida i rapporti instaurati con la Protezione civile grazie alla produzione made in Sicily di dispositivi e prodotti certificati dai laboratori autorizzati e garanzia di qualità. Le nostre produzioni si dimostrano vincenti". All'inizio della pandemia per coronavirus le aziende di Meccatronica hanno avviato la riconversione per la produzione di dispositivi di protezione e sicurezza contro il Covid-19 fornendo supporto concreto al sistema sanitario e alla cittadinanza. Il nuovo ordine si aggiunge a quelli già consegnati o in corso di consegna che riguardano mascherine chirurgiche e visiere in 3D. Il Distretto raggruppa 120 aziende.

9:53 - Imprenditori Eolie: “Senza aiuti non ce la facciamo”

Nelle isole Eolie 240 imprenditori aderenti a Assoimprese questa mattina hanno consegnato le chiavi delle loro aziende al Comune di Lipari ed alla sede dell'Agenzia delle Entrate. "Dopo quasi due mesi e mezzo - dice Alessandro Crivelli, il presidente di Assoimprese Eolie - non abbiamo ricevuto alcun segnale dallo Stato e dalla Regione. In queste condizioni non possiamo aprire". "Ricordo - aggiunge Maurizio Cipicchia, vice presidente dell'associazione - che le nostre richieste hanno riguardato finanziamenti a fondo perduto per permettere alle aziende di traghettare nel 2021. Chiediamo l'istituzione della Zona economica speciale per l'intero arcipelago; misure speciali inerenti la Naspi per i nostri lavoratori stagionali e una fiscalità di vantaggio per il prossimo decennio". "Auspichiamo - conclude Crivelli - che nel più breve tempo possibile l'Amministrazione ci comunichi eventuali positive novità, in quanto con le attuali restrizioni e senza un supporto economico, la riapertura delle nostre imprese non sarà più possibile in quanto antieconomica e porterà ad una chiusura definitiva".

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24