Parkour, cos'è e come è nato

Mondo
Archivio Getty
parkour_getty

Si tratta di una disciplina metropolitana che consiste nell'eseguire un percorso estremo o acrobatico, superando qualsiasi genere di ostacolo con la maggior efficienza, velocità e semplicità di movimento possibile

Il parkour è considerata una disciplina metropolitana nata in Francia negli anni '80. Il padre riconosciuto, il francese David Belle, iniziò a praticare a Lisse, un sobborgo di Parigi, le tecniche apprese giocando da bambino nei boschi della campagna francese. Da allora questo, che viene considerato uno "sport", ed espone ad alti rischi, ha fatto proseliti nel mondo, soprattutto in Francia e Inghilterra ma anche in Italia. Spesso però viene praticato senza alcuna regola di sicurezza.

L’origine del nome

Il termine parkour fu definito nel 1998 da Belle e dal suo amico Hubert Koundé, che prendendo spunto dal "percorso del combattente", ovvero il percorso di guerra utilizzato nell'addestramento militare, sostituì la “c” con la “k” per suggerire aggressività ed eliminò la “s” muta perché contrastava con l'idea di efficienza. I praticanti del parkour sono chiamati "traceurs" (creatori di percorsi).

In cosa consiste

Il parkour consiste nell'eseguire un percorso estremo o acrobatico, superando qualsiasi genere di ostacolo con la maggior efficienza, velocità e semplicità di movimento possibile, adattando il proprio corpo all'ambiente circostante, sia naturale o urbano, attraverso corsa, salti, equilibrio, scalate, arrampicate, alcuni con vere e proprie figure o volteggi codificati, un po' come accade per altre discipline di acrobazia, sia sugli skate, sia sulle tavole da snowboard.

La differenza col free running

Il parkour viene spesso erroneamente confuso col "free running": anche se possono sembrare simili, in realtà hanno dietro due filosofie completamente diverse. Il parkour infatti consiste nel seguire un percorso stabilito, superando qualsiasi genere di ostacolo con la maggior efficienza di movimento possibile mentre nel free running l'efficienza viene messa in secondo piano.

I rischi

Sebbene molti praticanti neghino che il parkour sia uno sport estremo, ha comunque dei rischi notevoli. Praticare la corsa, saltare, atterrare sul cemento e interagire con una varietà di strutture urbane come tetti, scale, superfici sopraelevate, muri, può provocare infortuni, soprattutto tra chi non si sottopone a un adeguato allenamento. Ma correre rischi eccessivi, mettono in guardia praticanti e associazioni, va contro la filosofia del parkour.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24