Elezioni Francia, i sondaggi: Marine Le Pen e Jordan Bardella in vantaggio su Macron

Mondo
©IPA/Fotogramma

Rassemblement National secondo tutti i sondaggi è strafavorito in vista delle elezioni politiche anticipate del 30 giugno e del 7 luglio. “Mi batto per il mio Paese, mi batto per il mio popolo e per loro sono pronta a fare enormi sacrifici", ha detto la leader del partito di estrema destra. Il premier uscente Attal: una loro vittoria rischia di causare un "grande strappo nel Paese"

ascolta articolo

Le elezioni legislative in Francia sono ormai alle porte. Il voto, indetto dal presidente Emmanuel Macron dopo la sconfitta alle Europee, si terrà il 30 giugno e il 7 luglio. Il partito del presidente francese e del suo premier uscente Gabriel Attal, Renaissance, deve vedersela con il partito di estrema destra Rassemblement National, guidato dalla leader fondatrice Marine Le Pen e dal suo presidente (e ora aspirante premier) Jordan Bardella. I sondaggi vedono questi ultimi come strafavoriti, con una percentuale che supera il 30% contro il partito di Macron sotto di almeno 10 punti percentuali. 

Le Pen: “Pronta a battermi per il mio popolo”

I sondaggi favoriscono RN e la leader della destra francese continua a ribadire di essere pronta a fare tutti i sacrifici necessari per il bene della Francia. “Ancora una volta, mi batto per il mio Paese, mi batto per il mio popolo e per loro sono pronta a fare enormi sacrifici come tante persone che mi circondano", ha detto Marine Le Pen durante un’intervista a radio RTL. La leader ha poi risposto a una domanda della giornalista che le chiedeva se non avesse ''paura'' di candidarsi come prima ministra al posto del suo favorito, Jordan Bardella. ''Bisogna smetterla con questa storia secondo cui abbiamo 'paura di...'", ha ribadito. “Se avessi paura di checchessia, avrei deciso di piantare fragole, avrei deciso di allevare gatti come attività principale. Sarei potuta entrare in molti mestieri in cui non si rischia assolutamente nulla. Permettetemi di dire che il mio percorso può lasciar pensare che sono abbastanza coraggiosa che non ho molta paura di checchessia”.

collage_francia_ipatg

leggi anche

Elezioni in Francia, qual è il programma del Rassemblement National

Le Pen: “Credo avremo maggioranza assoluta”

Nelle elezioni amministrative francesi, chi ottiene la maggioranza assoluta dei voti, ovvero più del 50% con almeno il 25% degli elettori registrati, vince automaticamente. Qualora invece un partito vincesse con maggioranza relativa, dovrebbe stringere alleanze per poter governare. Quest'ultima ipotesi però sembra non essere nei piani di Marine Le Pen, convinta della vittoria di Rassemblement National. Durante l’intervista, la giornalista ha chiesto alla leader di destra se pensa che Macron potrebbe dimettersi: “Non credo - ha risposto - perché penso che avremo la maggioranza assoluta e quindi potremo governare” la Francia. Parlando quindi di una possibile coabitazione tra il suo candidato premier, Jordan Bardella, e il presidente, Emmanuel Macron, Le Pen ha detto: “Saremo in coabitazione fino al 2027: questo non ci pone alcuna difficoltà. La costituzione è molto chiara: è il primo ministro che determina e che attua la politica della nazione”.

French President Emmanuel Macron speaks during a ceremony marking the 80th anniversary of the massacre of 643 persons by Nazi German forces, in Oradour-sur-Glane, southwestern France, 10 June 2024. ANSA/LUDOVIC MARIN / POOL  MAXPPP OUT

leggi anche

Francia, Macron promette di non dimettersi fino a fine mandato

Attal: “Il Paese si gioca la pelle”

Per il premier francese e candidato macroniano Gabriel Attal, una vittoria del Rassemblement National o della coalizione di sinistra Nouveau Front Populaire rischierebbe di causare un “grande strappo nel Paese”, minacciando “la nostra economia, il risparmio e la sicurezza dei francesi”.”Il Paese si gioca la pelle - ha affermato - Più vado sul terreno, più incontro francesi che mai si rassegneranno a rimanere stretti nella tenaglia tra La France insoumise (LFI) et il RN. Ci credo: domenica, sarà l'ora del sussulto dei francesi”.

I sondaggi

Lo scenario della vittoria da parte di Rassemblement National sembra essere avvalorato anche dai sondaggi. Harris Interactive Poll, citato da La Repubblica, afferma che Rassemblement National di Marine Le Pen e Jordan Bardella otterrebbe il 33% dei voti, davanti al Nuovo Fronte Popolare (le sinistre unite) al 27% e ai centristi di Macron al 20%. Il sondaggio di Ipsos, riportato dal Sole 24Ore, offre dati leggermente diversi ma che vedono ugualmente in vantaggio il partito di estrema destra. Rassemblement National di Marine Le Pen e i suoi alleati sarebbero saldamente in testa al primo turno delle elezioni parlamentari con il 35,5% dei voti. Al secondo posto con il 29,5% dei voti l’alleanza di sinistra Nouveau Front Populaire (NPF). Ferma al 19,5% l’alleanza centrista del presidente Emmanuel Macron.

Mondo: I più letti