Cina, attivista #MeToo Sophia Huang Xueqin condannata a 5 anni di carcere

Mondo
©Ansa

Ritenuta colpevole di incitamento alla sovversione dei poteri dello Stato e detenuta dal 2021, la giornalista 35enne aveva denunciato sui social media la propria esperienza di molestie sessuali subite sul posto di lavoro quando lavorava in un'agenzia di stampa cinese      

 

ascolta articolo

La principale attivista cinese del movimento #MeToo, Sophia Huang Xueqin, è stata condannata a 5 anni di carcere dopo essere stata giudicata colpevole di "incitamento alla sovversione dei poteri dello Stato" da parte della Corte Intermedia del Popolo di Guangzhou. La giornalista di 35 anni, ha anticipato di voler fare appello contro la sentenza. Huang aveva organizzato con un’altro attivista, Wang Jianbing, 40 anni, condannato a 3 anni e sei mesi, degli incontri su questioni sociali nella città meridionale di Guangzhou. Il tribunale ha tuttavia dichiarato che questi incontri, tenuti a partire dal 2020, "incitavano i partecipanti a esprimere insoddisfazione nei confronti del potere statale cinese con il pretesto di discutere di questioni sociali", stando a quanto dichiarato dal gruppo "Free Huang XueQin & Wang JianBing".

 

 Processo a porte chiuse

Detenuti dalle autorità cinesi dal settembre 2021, i due attivisti sono stati processati l'anno scorso, pur negando qualsiasi addebito durante il processo tenuto a porte chiuse. Le accuse di sedizione si basavano sugli incontri che spesso la coppia teneva con i giovani cinesi durante i quali discutevano di questioni sociali. "I loro sforzi e la loro dedizione al lavoro, ai diritti delle donne e alla società civile in generale non saranno vanificati da questo processo ingiusto, né la società dimenticherà il loro contributo. Al contrario, mentre l'oppressione persiste e l'ingiustizia cresce, sempre più attivisti come loro continueranno a salire", ha detto il gruppo Free Huang Xueqin and Wang Jianbing, composto principalmente da attivisti con sede all'estero. 

Electric car charging station

approfondimento

Auto elettriche cinesi, Ue conferma l'aumento dei dazi

L’accusa di incitamento alla sovversione

L'accusa di "incitamento alla sovversione del potere statale" è usata spesso dal governo cinese contro i dissidenti e prevede una pena detentiva massima di cinque anni, ma può essere più lunga se il sospettato è considerato un capofila o ha commesso reati gravi. Il giorno prima dell'arresto, avvenuto il 19 settembre 2021, Huang avrebbe dovuto volare in Gran Bretagna per iniziare un master presso l'Università del Sussex con una borsa di studio finanziata dal governo britannico. L'attivista, che ha seguito le accuse cinesi del movimento #MeToo e le proteste antigovernative di Hong Kong del 2019, era stata detenuta dalla polizia cinese per tre mesi alla fine del 2019. 

accoltellati

approfondimento

Cina, 4 docenti universitari americani accoltellati in un parco

Mondo: I più letti