Carlo III ha giurato come sovrano: "Consapevole delle grandi responsabilità". VIDEO

Mondo

La cerimonia, a due giorni dalla morte della Regina Elisabetta II, è stata trasmessa per la prima volta in diretta tv. "So - ha detto il nuovo Re - che sarò sostenuto dall'affetto e dalla lealtà delle persone che sono stato chiamato a guidare come sovrano"

ascolta articolo

Carlo III questa mattina è stato formalmente proclamato re negli appartamenti di St James, nel complesso di Buckingham Palace, dall'Accession Council, istituzione chiamata a certificare nel Regno Unito la successione fra un monarca e un altro. Presenti la regina consorte Camilla e l'erede al trono William, oltre alla premier Liz Truss e a diversi ex primi ministri. La cerimonia avviene a due giorni dalla morte della 96enne regina Elisabetta e dall'ascesa ipso facto al trono del suo primogenito 73enne. E’ la prima volta che una cerimonia di incoronazione inglese viene trasmessa in diretta tv. (ADDIO ALLA REGINA. LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA)

"So che sarò sostenuto dall'affetto e dalla lealtà dei popoli"

leggi anche

Morte Elisabetta, il primo discorso alla Nazione di Carlo III

"Mia madre ha dato un esempio di amore e servizio per tutta la vita", ha detto il nuovo Re Carlo III nel suo discorso durante il giuramento. "Il regno di mia madre - ha aggiunto - non ha pari per durata, dedizione e devozione. Sono profondamente consapevole della profonda eredità e dei grandi doveri e responsabilità che ora passano a me". "Sono profondamente incoraggiato - ha proseguito il sovrano - dal costante sostegno della mia amata moglie" riferendosi alla regina consorte Camilla. "Seguirò l'esempio di mia madre nel sostenere il governo costituzionale e nel ricercare la pace , l'armonia e la prosperità per i popoli di queste isole e del Commonwealth. So che sarò sostenuto dall'affetto e la lealtà dei popoli di cui sono stato chiamato ad essere sovrano e che, nel portare avanti questi doveri, sarò guidato dai loro parlamenti eletti".

approfondimento

Operazione London Bridge, ecco il protocollo per la morte della Regina

 

La cerimonia

La cerimonia si è svolta in assenza del nuovo sovrano, come prescrive la tradizione. A presiedere la cerimonia è stata la ministra Penny Mordaunt, nella sua veste di President of Council in seno al governo Tory in carica, con al fianco il vertice dell'organismo rappresentato dall'erede al trono William, nuovo principe di Galles, dalla regina consorte Camilla, dalla premier Truss, dagli arcivescovi anglicani di Canterbury e di York, dal ministro della Giustizia Brandon Lewis, e da alcuni funzionari. Mordaunt ha esordito formalizzando "la triste notizia" dell'avvenuta morte della "nostra magnanima regina Elisabetta II". Quindi ha ceduto la parola a un banditore per la lettura dell'atto di proclamazione di Carlo a nuovo re, con tutti i titoli annessi, compreso quello di "difensore della fede". Atto concluso con l'invocazione "God save the King", ripetuta a una voce dai presenti. Alla fine Mordaunt ha invitato i membri del consiglio a trasferirsi nella Sala del Trono per incontrare re Carlo III.

Mondo: I più letti