Nancy Crampton Brophy, l’autrice di "Come uccidere tuo marito" condannata all'ergastolo

Mondo
©Getty

Nella trama del suo libro è descritta la dinamica dei fatti. Secondo i giudici dell'Oregon la scrittrice americana di 71 anni avrebbe ucciso il marito per ottenere gli indennizi delle 10 assicurazioni sulla vita 

ascolta articolo

Ergastolo per la scrittrice statunitense Nancy Crampton Broph giudicata colpevole dal tribunale di Portland ( Oregon) dell’omicidio di suo marito. La donna, 71 anni, autrice di un saggio scritto nel 2011 dal titolo "Come uccidere il proprio marito” è in carcere dal 2018 per aver ucciso Daniel Brophy il 2 giugno del 2018, con quattro colpi di arma da fuoco inferti mentre l’uomo era a lavoro. 

Il movente

approfondimento

Omicidio Modena, uomo uccide moglie e figlia: fermato dai carabinieri

 

La donna, che nel suo saggio spiegava come uccidere il consorte e farla franca, è stata ritenuta colpevole di omicidio  il 25 maggio, dopo un processo di sette settimane. Secondo la procura statale, Crampton Brophy avrebbe costruito una pistola mettendo insieme i pezzi provenienti da varie armi, si sarebbe tenuta lontana dalle telecamere di sicurezza e avrebbe ucciso il marito la mattina del 2 giugno del 2018 nella scuola di cucina dove lui insegnava, in un posto e in un momento con pochi testimoni. La tesi della procura è che lo abbia fatto per provare a ottenere gli indennizzi delle 10 assicurazioni sulla vita che la coppia aveva sottoscritto, che ammontavano in totale a circa 1,4 milioni di dollari (circa 1,3 milioni di euro).

La difesa

approfondimento

Omicidio a Sesto San Giovanni, 19enne uccide il padre e chiama il 112

 

Secondo la difesa, invece, Daniel Brophy è morto durante un tentativo di rapina e l’assassino sarebbe ancora a piede libero. La pistola posseduta dalla moglie le serviva semplicemente a scopo di ricerca per i suoi libri. Per gli avvocati della difesa è del tutto casuale il fatto che il giorno dell’omicidio Crampton Brophy si trovasse nel luogo del delitto. La donna stava cercando un posto in cui potersi concentrare sulla scrittura, hanno affermato i legali. Dopo due giorni di consultazioni i giudici hanno espresso la loro  decisione sulla pena: ergastolo. 

Mondo: I più letti