Viaggio in Kosovo, lacerato dai conflitti

Mondo

Sacha Coltellacci

Uno stato ancora virtuale, dove la guerra in Ucraina rende tutto ancora più instabile

ascolta articolo

Il passaggio dalla Serbia al Kosovo è lento e tortuoso, come la strada che percorriamo da Belgrado a Pristina, passando per Mitrovica, a nord dell'autoproclamata Repubblica Kosovara. La frontiera segna un confine, che qui evoca ancora i fantasmi della guerra nell'ex Jugoslavia. Da una parte c'è la Serbia, in equilibrio perenne tra Mosca e Bruxelles. Dall'altra il Kosovo, lo Stato che non c'è ma che rivendica il diritto di esserci. (GUERRA IN UCRAINA. LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA)

Kosovo, uno Stato virtuale

leggi anche

Guerra in Ucraina, è possibile un nuovo fronte in Transnistria?

Un piccolo fazzoletto di terra, nel cuore dei Balcani, ancora reclamato dal governo di Belgrado per motivi storici e politici, con il sostegno di un certo Vladimir Putin. Uno Stato virtuale, dove la stragrande maggioranza è albanese e la minoranza è invece serba. Uno stato a riconoscimento limitato, accreditato da buona parte della comunità internazionale, dove Nato e Unione europea fanno i conti con un territorio ancora lacerato dal recente passato e dove lo spettro del conflitto in Ucraina rischia di destabilizzare ulteriormente un'area instabile per definizione. Il Kosovo di oggi è segnato da ferite ancora da cicatrizzare, ma già guarda con febbrile entusiasmo al futuro. Il futuro di uno Stato che ancora non c'è ma che vorrebbe esserci.

Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo
Immagini dal Kosovo

Mondo: I più letti