Ucraina, la viceministra Dzhaparova a Sky TG24: "Se non si ferma Putin rischiamo tutti"

Mondo
©Getty

Alla vigilia dell'incontro del ministro Dmytro Kuleba col suo omologo russo, la viceministra degli Esteri ucraina ha fatto un punto sulla guerra che si combatte nel suo Paese: "Oramai 1.300 persone civili hanno perso la vita, le nostre città sono senza cibo. Gli accordi non hanno funzionato, né i corridoi umanitari, le persone sono state prese di mira"

ascolta articolo

A quasi due settimane di distanza dall'inizio del conflitto in Ucraina, la viceministra degli Esteri ucraina Emine Dzhaparova parla a Sky TG24 della situazione nel suo Paese. Lo fa da Kiev e alla vigilia dell'incontro ad Antalya, in Turchia, tra il suo diretto superiore, Dmytro Kuleba, e il suo omologo russo Sergey Lavrov. Si tratta del primo vertice di alto livello tra i rappresentanti dei due Paesi da quando sono in guerra. "Ci aspettiamo una tregua, un cessate il fuoco, lo stop all'occupazione del nostro territorio e la risoluzione di disastro umanitario, che è quello che vediamo in Ucraina", ha detto. "Il problema è che, coi russi, non c'è nulla che va avanti di positivo. Noi abbiamo capito cosa ha fatto il resto del mondo, isolando la Russia. Chiediamo la no-fly zone perché molti degli attacchi arrivano dal cielo, questa è veramente una richiesta di reazione alla comunità internazionale. E poi servono delle armi per la difesa", ha proseguito. "Noi stiamo opponendo resistenza e lavoriamo per i nostri principi, la base è proprio l'integrità territoriale. Oramai 1.300 persone civili hanno perso la vita sulla base dei report che riceviamo ma temiamo siano di più, le nostre città - non solo le piccole - sono senza cibo. Gli accordi non hanno funzionato, né i corridoi umanitari, le persone sono state prese di mira" (GUERRA IN UCRAINA, LO SPECIALE - I REPORTAGE DEI PRIMI 10 GIORNI DI GUERRA - IL VIDEOBLOG - GLI AGGIORNAMENTI).

L'appello alla Nato 

leggi anche

Ucraina, Aiea: Persi contatti con i sistemi di controllo di Chernobyl

Così come hanno fatto altri politici prima di lei, Dzhaparova ha detto che la guerra in Ucraina non riguarda solo il suo Paese: "L'appello è per i Paesi della Nato. Se il mondo non è sarà in grado di mettere fine a questo attacco, ci sarà un'escalation", ha detto, aggiungendo che "bisogna far capire [alla Russia] che ci saranno conseguenze serie" anche per la sua economia se non si fermerà. La viceministra ha parlato anche dell'attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia dicendo che poteva essere una catastrofe: "È sei volte più grande e più potente di Chernobyl, ed è un'infrastruttura fondamentale per il nostro Paese. I russi hanno deciso di occuparla anche come simbolo", ha detto. "Questa è una delle loro tattiche: andare a occupare queste infrastrutture e bloccare il loro funzionamento perché la maggior parte della nostra energia elettrica arriva da queste centrali. I russi hanno ben capito le conseguenze che questo avrebbe avuto per noi. Bisogna continuare a mettere questi impianti in sicurezza e ricordare a quali pericoli si potrebbe andare incontro".

Mondo: I più letti