Birmania, rabbia contro i militari per strage di civili a Hpruso: uccisi donne e bambini

Mondo
©Getty

Diffuse sui social media le immagini della strage avvenuta la vigilia di Natale nello stato orientale di Kayah, dove sono stati trovati due camion e un'auto dati alle fiamme con circa 30 corpi all'interno. Il portavoce della giunta Zaw Min Tun ha detto che alcuni scontri sono scoppiati venerdì dopo che i soldati hanno cercato di fermare sette auto che guidavano "in modo sospetto". Dispersi due lavoratori di Save the Children

Cresce la rabbia sui social media dopo la diffusione delle foto del massacro della vigilia di Natale avvenuto in Birmania e per il quale sono accusati i militari, saliti al potere dopo il colpo di Stato dell’1 febbraio. Tra le decine di vittime, scrive il The Guardian, ci sono anche donne e bambini. Le truppe del governo del Myanmar avrebbero radunato e ucciso a colpi di arma da fuoco almeno 35 abitanti della cittadina di Hpruso, secondo una Ong e altri media. Un testimone ha raccontato che le vittime stavano cercando di fuggire dai combattimenti tra l'esercito e i gruppi di resistenza armata nella zona.

“35 persone sono state bruciate e uccise dai militari”

leggi anche

Birmania, uccisioni di massa da parte dell'esercito: almeno 40 morti

Alcune foto pubblicate sui social media mostrano due camion e un'auto dati alle fiamme su una strada nella cittadina di Hpruso, nello stato orientale di Kayah, con circa 30 corpi all'interno. Un funzionario delle Forze di difesa del popolo (PDF), ha affermato che i suoi combattenti hanno trovato i veicoli sabato mattina. Secondo il Myanmar Witness Observatory, "35 persone, compresi bambini e donne, sono state bruciate e uccise dai militari il 24 dicembre nella cittadina di Hpruso". Il portavoce della giunta Zaw Min Tun ha detto che gli scontri sono scoppiati venerdì a Hpruso dopo che i soldati hanno cercato di fermare sette auto che guidavano "in modo sospetto".

Dispersi due lavoratori di Save the Children 

approfondimento

Aung San Suu Kyi, chi è la leader arrestata dai militari in Myanmar

Intanto nel Paese rimangono dispersi due lavoratori di Save the Children, con la conferma che il loro veicolo privato è stato attaccato e dato alle fiamme. "Secondo quanto riferito - ha affermato la Ong - i militari hanno costretto le persone a scendere dalle loro auto, ne hanno arrestato alcune, ne hanno ucciso altre e hanno bruciato i loro corpi". "Abbiamo la conferma che il loro veicolo privato è stato attaccato e bruciato", ha detto l’Organizzazione, in un'azione che un gruppo di monitoraggio ha attribuito a soldati della giunta militare. "Siamo inorriditi dalle violenze perpetrate contro civili innocenti e il nostro personale, che è impegnato nel settore umanitario, sostenendo milioni di bambini bisognosi in tutto il Paese", ha affermato l'amministratore delegato Inger Ashing.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24