Stati Uniti, Biden: “Difenderemo Taiwan in caso di attacco da parte della Cina”

Mondo
©Getty

"Gli Stati Uniti - ha spiegato il presidente americano nel corso di un dibattito trasmesso sulla Cnn - hanno preso un sacro impegno per quel che riguarda la difesa degli alleati della Nato in Canada e in Europa e vale lo stesso per il Giappone, per la Corea del Sud e per Taiwan"

Washington avverte Pechino: “Gli Stati Uniti difenderanno Taiwan da un'eventuale aggressione della Cina”, ha detto ieri sera il presidente Biden dopo che Xi Jinping è tornato a ribadire che è "inevitabile" la "riunificazione" di Taiwan, una "provincia ribelle" per Pechino. "Gli Stati Uniti - ha spiegato Biden nel corso di un dibattito trasmesso sulla Cnn - hanno preso un sacro impegno per quel che riguarda la difesa degli alleati della Nato in Canada e in Europa e vale lo stesso per il Giappone, per la Corea del Sud e per Taiwan".

Le parole di Biden

approfondimento

Putin, Cina non ha bisogno dell'uso della forza con Taiwan

"Non voglio una guerra fredda con la Cina", ha sottolineato il presidente americano, aggiungendo: "Ho parlato e passato più tempo con Xi di qualsiasi altro leader al mondo. Voglio che la Cina capisca che non faremo passi indietro e non cambieremo nessuno dei nostri punti di vista". Biden ha assicurato di non essere preoccupato per un possibile conflitto militare internazionale con la Cina, ma piuttosto da un'escalation e ha sostenuto che bisogna "preoccuparsi" se il gigante asiatico o altri Paesi come la Russia saranno coinvolti in "attività che li mettano in una posizione in cui potrebbero commettere un grave errore".

La reazione di Taipei e di Pechino

approfondimento

Cina, Xi Jinping: “Taiwan sarà riunificata, no a interferenze esterne”

Apprezzamento arriva da Taiwan per le parole del presidente americano. Gli Stati Uniti hanno dimostrato un sostegno "saldo come una roccia" a Taiwan da quando Joe Biden è arrivato a gennaio alla Casa Bianca, ha detto il portavoce della presidenza Xavier Chang. La Cina, dal canto suo, ha risposto agli Stati Uniti invitando alla cautela e assicurando che su Taiwan "non ci sono margini per compromessi". Pechino considera Taiwan parte del proprio territorio nazionale, e gli Stati Uniti non devono mandare "segnali sbagliati" ai "secessionisti", ovvero la leadership dell'isola guidata dalla presidente Tsai Ing-wen.

La "questione" Taiwan

approfondimento

Taiwan alla Cina: "Non saremo mai parte di un Paese autoritario"

La tensione attorno all'isola ha raggiunto livelli altissimi nelle scorse settimane, per le massicce incursioni di aerei da combattimento cinesi nello spazio di Difesa dell'isola e per l'allarme lanciato dal ministro della Difesa di Taipei, Chiu Kuo-cheng, che ritiene la Cina capace di un'invasione su larga scala entro il 2025. Per il presidente cinese, Xi Jinping, la riunificazione si farà, mentre la presidente di Taiwan, Tsai Ing-wen, risponde che l'isola non cederà alle pressioni di Pechino e chiede alle democrazie mondiali di sostenere Taipei contro l'autoritarismo cinese. 

Il commento della Nato

"Non ho intenzione di speculare su ipotetiche situazioni" riguardo a Taiwan. "E' importante ridurre le tensioni nell'area, e dobbiamo risolvere le controversie con mezzi politici e diplomatici". Così il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg al termine della ministeriale Difesa a Bruxelles rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano di commentare le parole del presidente americano Joe Biden che ha affermato che gli Stati Uniti difenderanno Taiwan da un'eventuale aggressione della Cina. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24