Norvegia, danese convertito all'Islam: chi è il killer con l'arco di Kongsberg

Mondo
©Ansa

La polizia ha riferito che l’uomo - che ha ucciso 5 persone e ne ha ferite 2 nella cittadina a 80 km da Oslo - si era convertito all'Islam e c’erano stati “timori legati alla radicalizzazione", tanto che le forze dell’ordine l’avevano già seguito nel 2020.  Tuttavia, "non c'erano state segnalazioni su di lui nel 2021"

È un danese di 37 anni l’uomo che ieri sera a Kongsberg, cittadina di 25.000 abitanti a circa 80 chilometri a ovest di Oslo, nel sud-est della Norvegia, armato di arco e frecce ha preso di mira i passanti in diverse zone della cittadina uccidendo cinque persone e ferendone due (FOTO). L’aggressore, Espen Andersen Brathen, secondo la polizia si era convertito all'Islam ed era già stato seguito dalle forze dell’ordine. Le autorità non hanno escluso l'ipotesi dell'attentato terroristico: "Dal corso degli eventi, è naturale considerare se si tratti di un atto di terrorismo", ha detto il capo della polizia di Drammen, Oyvind Aas.

La polizia l’aveva seguito nel 2020

vedi anche

Norvegia, uomo armato di arco e frecce fa strage a Kongsberg

Il 37enne, che è stato portato nel carcere della cittadina di Drammen, risiede a Kongsberg. Il suo legale, riporta la Bbc, ha detto che ha madre danese e padre norvegese. "Ci sono stati timori legati alla radicalizzazione", ha detto ai giornalisti il funzionario di polizia norvegese Ole Bredrup Saeverud, aggiungendo che la polizia aveva seguito il sospettato nel 2020. Ma, ha spiegato, "non c'erano state segnalazioni su di lui nel 2021". "Stiamo indagando per confermare che abbia agito da solo, non abbiamo informazioni diverse, ma stiamo continuando le indagini per essere completamente sicuri", ha aggiunto Saeverud. La polizia ha anche riferito che, oltre ad arco e frecce, l’uomo avrebbe avuto altre armi, e che è stato arrestato dopo “un breve scontro”.

Il killer in un video del 2017: "Sono musulmano"

Alcuni media norvegesi riferiscono di un video postato in rete nel 2017 dal killer di Kongsberg, in cui dichiara di essere musulmano. "Sono un messaggero. Sono venuto con un avvertimento: è davvero questo che vuoi? E per tutti coloro che vogliono essere in pace con se stessi, è giunto il momento. Testimonio che sono un musulmano", affermava. Secondo il legale di Brathen, l'uomo "sta collaborando con la polizia".

Cos’è successo

Secondo quanto riporta la Bbc, la polizia ha affrontato il 37enne una prima volta alle 18:12. L’uomo ha usato delle frecce contro gli agenti ed è scappato, per poi essere arrestato alle 18:47. Le vittime - 4 donne e un uomo, tutti fra i 50 e i 70 anni - sono state uccise in quei 35 minuti, ha detto Bredrup. L’aggressore è stato poi portato alla stazione di polizia di Drammen, dove è stato interrogato per tre ore, e infine trasferito in carcere.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24