Covid, Cina esaminerà campioni sangue del 2019 a Wuhan

Mondo

Lo scrive la Cnn in esclusiva, citando un "funzionario cinese". I campioni di sangue sono conservati nel centro ematologico di Wuhan per due anni, quindi quello relativo a ottobre-novembre 2019 è vicino alla scadenza

La Cina si appresta a esaminare fino a 200 mila campioni di sangue prelevati nella città di Wuhan prima che l'epidemia di Covid 19 esplodesse, quindi fino agli ultimi mesi del 2019, per contribuire a fare luce su come e quando il Coronavirus (LIVEBLOG) responsabile sia passato dall'animale all'uomo. Lo scrive la Cnn in esclusiva, citando un "funzionario cinese". La mossa, ricorda la Cnn, era stata sollecitata dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) lo scorso febbraio. I campioni di sangue in questione, scrive Cnn, sono conservati nel centro ematologico di Wuhan. 

In scadenza

approfondimento

Covid Cina, in semi-lockdown la città di Harbin dopo tre casi

I campioni, fino a 200 mila, sono tenuti nella banca del sangue di Wuhan e comprendono anche quelli degli ultimi mesi del 2019, ritenuti importanti dagli investigatori dell'Oms per cercare di determinare quando e dove il virus è passato all'uomo. Il materiale viene conservato per due anni, quindi quello relativo a ottobre-novembre 2019 è vicino alla scadenza. Un funzionario della Commissione nazionale salute ha riferito alla Cnn i campioni veranno analizzati una volta raggiunto il limite dei due anni.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24