Zaki, Amnesty: accuse terrorismo restano, ottimismo era infondato

Mondo
A cardboard cutout of Patrick Zaki during the silent flashmob to demand the release of the researcher Patrick Zaki, the Egyptian student of the University of Bologna in prison in Egypt since February, Rome, Italy, 23 February 2020. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

La prossima udienza è stata aggiornata al 28 settembre. Fino a quella data lo studente resterà in carcere.

Riccardo Noury, portavoce dell'Amnesty International Italia, in vista

della prossima udienza del 28 settembre nei confronti dello studente egiziano, arrestato nel febbraio 2020 all'aeroporto del Cairo esprime tutte le sue perplessità su una possibile conclusione della vicenda. 

Le parole di Noury

approfondimento

Zaki: voci d'autore leggono le lettere a Patrick

"E' un sospetto che avevamo fin da subito" che le accuse di propaganda sovversiva e terrorismo contro Patrick Zaki, quelle piu' gravi, fossero state "congelate e non revocate". Si era pero' diffuso "un ottimismo eccessivo e infondato" che e' stato corretto "dall'avvocatessa che oggi ha fatto il punto della situazione. 

Nuove accuse a carico di Zaki

Dopo quasi due anni di detenzione amministrativa, il 14 settembre si e' aperto un processo con la nuova accusa di diffusione di notizie false riguardante uno scritto del 2019 sulla persecuzione della minoranza copta. "Quel processo va avanti, mentre le accuse di terrorismo sono state sospese ma sono sempre una spada di Damocle su Zaki", ha ricordato Noury, sottolineando che nulla esclude ulteriori sviluppi nelle accuse, anche alla luce dell'annuncio "dell'avvocatessa di altre carte in arrivo di cui pero' non si sa di piu'".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24