Rogo in una fabbrica nel Bangladesh, più di 50 morti e 30 feriti

Mondo
©Getty

Incidente sul lavoro con incendio in una fabbrica del Bangladesh. I Vigili del Fuoco sono riusciti a mettere in salvo alcuni lavoratori che si erano riparati sul tetto dell’edificio

Almeno 53 persone sono rimaste uccise, decine ferite e molti ancora risultano dispersi per un violento incendio scoppiato in una fabbrica del Bangladesh. La Polizia ha riferito che alcuni lavoratori hanno dovuto saltare dalle finestre per mettersi in fuga dalle fiamme. Non è chiaro quante persone ci fossero nell'edificio al momento del rogo ma le famiglie dei dipendenti, accorsi nelle vicinanze per cercare i propri famigliari hanno affermato di temere che il bilancio possa essere molto più pesante. Polizia e testimoni hanno riferito che l'incendio è scaturito nello stabilimento dell'industria alimentare Hashem Food and Beverage di Rupganj, città industriale non lontana dalla capitale Dacca. I vigili del fuoco hanno salvato 25 persone che si erano rifugiate sul tetto dell'edificio mentre le fiamme divampavano.

 

Gli altri incidenti in Bangladesh

Si tratta dell'ultimo di una serie di disastri che hanno distrutto complessi industriali e condomini a causa del mancato rispetto degli standard di sicurezza. Il più grave si è verificato nel 2013, quando un complesso di 9 piani è crollato uccidendo 1100 persone. Da allora, nonostante la promessa di riforme, il livello di sicurezza non è aumentato. Nel febbraio 2019 almeno 70 persone sono morte a causa di un incendio che ha distrutto gli appartamenti nella capitale Dacca dove venivano conservate illegalmente sostanze chimiche.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24