Stampa GB: Bojo sul lastrico, "troppo povero" per fare il Primo Ministro

Mondo
©Getty

Il settimanale britannico Sunday Times ha fatto i conti in tasca al premier, alle prese con problemi finanziari che lo espongono al rischio ricatti

Boris Johnson sarebbe "troppo povero per fare il primo ministro". Lo scrive il Sunday Times, che pubblica le rivelazioni di un consigliere di Downing Street, secondo il quale il premier sarebbe sul lastrico.  Il settimanale britannico ha fatto i conti in tasca al premier e il quadro che ne emerge è quello di un uomo continuamente alle prese con problemi finanziari che lo espongono a pressioni di ogni tipo.  Questo è il cuore della faccenda, quello che fa fibrillare il mondo politico a  tutti i livelli: la preoccupazione che il rischio di ricatti sia troppo alto. La lista delle spese che pesano sul bilancio personale di Johnson, del resto, è piuttosto lunga e a mettere il carico è sicuramente il capitolo "vita privata". 

 

La vita privata

Innanzitutto il divorzio dalla ex moglie Marina, che è stato salatissimo, poi il mantenimento dei sei figli "ufficiali" (anche se le voci dicono che calcolando anche quelli "ufficiosi" la lista sia ben più lunga), il mutuo da oltre un milione e mezzo di euro per la casa nel sud di Londra, in cui vivrà insieme alla fidanzata, Carrie Symonds e le spese per il cottage nell'Oxfordshire. 

 Proprio la Symonds è finita al centro delle polemiche per la costosissima ristrutturazione del numero 10 di Downing Street, l'appartamento in cui vive come Primo MInistro: 58mila sterline per risistemare gli interni, pagati, a suo dire, con il contributo (mai dichiarato) di alcuni finanziatori del partito conservatore. Nulla in confronto alle  200mila sterline (qualcosa come 250mila euro), spesi per gli arredamenti di design, scelti a quanto pare proprio dalla Symonds per cancellare le tracce del passaggio della precedente inquilina, Theresa May.  

Il confronto fra prima e dopo

approfondimento

Riaperture Europa, dall'Uk alla Francia: come si muovono i Paesi

Tante spese a fronte di incassi meno elevati di quanto fosse in precedenza. Se prima di diventare capo del governo si stimava che riuscisse a raccogliere mezzo milione di sterline l'anno, (solo come opinionista del Telegraph guadagnava oltre 300mila euro) oggi il suo stipendio ufficiale, al netto delle tasse, è di circa  95mila sterline (intorno ai 110mila euro), cui vanno tolti almeno altri 10mila euro di tasse sull'appartamento di Downing Street, i pasti personali di BoJo e dei suoi ospiti, baby-sitter e personal training. Il confronto è presto fatto.

 Per tentare di far quadrare i conti si sarebbe rivolto prima ai finanziatori del partito conservatore e poi avrebbe chiesto un prestito in banca, anche se non lo ha mai dichiarato ufficialmente. Gioco facile, per l’opposizione del partito laburista, gridare allo scandalo e alla corruzione. Ma il timore che questa fragilità economica possa spingerlo a finire sotto qualche ricatto accomuna un po’ tutto il mndo politico. E forse non solo quello.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.