Dubai, 11 modelle ucraine deportate dopo un servizio fotografico di nudo

Mondo

Undici modelle ucraine e un fotografo russo sono stati deportati a seguito di un servizio fotografico di nudo realizzato su un balcone di un grattacielo di Dubai, dopo che foto e video sono circolati sui social media. Le accuse sono dissolutezza pubblica e produzione di materiali pornografici. Negli Emirati Arabi la nudità e altri “comportamenti osceni” comportano pene fino a sei mesi di prigione e una multa di 5.000 dirham (circa 1.200euro)

Prima un servizio fotografico di nudo su un balcone di un grattacielo a Dubai, poi la circolazione delle immagini sui social media e, infine, la deportazione nello stato di origine: protagonisti di questo "percorso" 11 modelle ucraine e un fotografo russo che, a seguito di foto non conformi alle leggi in vigore negli Emirati Arabi, sono stati espulsi da Dubai. 

"Il pubblico ministero ha ordinato l'espulsione degli imputati per il loro comportamento contrario alla morale pubblica", ha detto al-Humaidan, aggiungendo che il gruppo di donne è stato accusato di aver violato la legge sulla decenza pubblica del paese.

Dubai, meta preferita di modelle, influencer e cittadini dell'Est Europa

Dubai è una delle principali destinazioni per influencer e note modelle di Instagram di tutto il mondo, che riempiono i loro feed social con splendidi selfie in bikini dagli hotel di lusso e dalle isole artificiali dell'emirato costiero. Ma il marchio della città come perfetta destinazione turistica a volte ha provocato polemiche e si è scontrato con le rigide regole dello sceicco che regolano il comportamento e i gesti ammessi in pubblico.

 

Lo scandalo del servizio fotografico di nudo è avvenuto pochi giorni prima del Ramadan, il mese più sacro del calendario musulmano, e in concomitanza dell'arrivo a Doha, in Qatar, del presidente ucraino Volodymyr Zelensky per una visita ufficiale di stato. Nel corso degli anni, Dubai si è sempre più promossa come una destinazione popolare per i russi in vacanza. E i cartelli in cirillico sono molto comuni nei principali centri commerciali della città.

Non è la prima volta che accade un episodio di questo tipo

Non è la prima volta che influencer stranieri sui social media, professionisti e non, attirano un controllo "indesiderato" negli Emirati Arabi Uniti. All'inizio di quest'anno, quando Dubai si è promossa come un importante paradiso delle feste favorevole alla pandemia per i viaggiatori in fuga da rigide chiusure altrove, le star dei reality show europei sono state prese di mira per aver sfoggiato sui social le loro vacanze a Dubai a bordo piscina, non sempre rispettosi delle norme.

 

Anche se gli Emirati Arabi Uniti hanno recentemente apportato delle modifiche legali per attirare turisti e investitori stranieri, consentendo alle coppie non sposate di condividere le camere d'albergo e ai residenti di bere alcolici senza licenza, il sistema giudiziario del paese del Golfo Arabo mantiene severe sanzioni per le violazioni della legge sulla pubblica decenza.

 

Comportamenti "osceni" punibili anche con sei mesi di carcere

La nudità e altri “comportamenti osceni” comportano pene fino a sei mesi di prigione e una multa di 5.000 dirham (circa 1.200euro). Anche la condivisione di materiale pornografico è punibile con carcere e multe salate. La maggioranza delle società di telecomunicazioni statali del paese blocca l'accesso a siti web pornografici.

 

Gli stranieri, che costituiscono circa il 90% della popolazione degli Emirati Arabi Uniti (che è di circa di 9 milioni di persone) sono stati incarcerati per commenti e video online, ma anche per comportamenti che non sono considerati reati in Occidente, come i baci in pubblico.

 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.