Egitto, Zaki resterà in carcere per altri 45 giorni

Mondo

Lo ha riferito la legale del ricercatore, Hoda Nasrallah. È detenuto dal 7 febbrario 2020. Proteste di Amnesty International

La custodia cautelare in carcere in Egitto di Patrick Zaki è stata prolungata di 45 giorni. Lo ha riferito una sua legale, Hoda Nasrallah, confermando indiscrezioni circolate ieri. Lo studente egiziano dell'Università di Bologna è detenuto dal 7 febbraio dell'anno scorso con l'accusa di propaganda sovversiva.  L'ulteriore proroga, secondo Amnesty, dimostra come in Egitto i diritti dell'indagato valgono “meno di zero". 

In Egitto la custodia cautelare può durare fino a due anni

approfondimento

Dal museo a cielo aperto di Aielli appello'libertà per#Zaki'

Zaki quindi passerà almeno un altro mese e mezzo nel complesso carcerario cairota di Tora. La Procura generale ha confermato la volontà di applicare la draconiana legge egiziana che consente fino a due anni di custodia cautelare. Tutto ciò malgrado, come ha ricordato la Farnesina, grazie a un'iniziativa italiana il caso giudiziario del ricercatore sia "l'unico che viene costantemente monitorato da un gruppo di Paesi stranieri". 

Il pressing della Farnesina sulle autorità egiziane

leggi anche

Zaki: visita fidanzata, 'emozionato per cittadinanza Bologna'

Ancora negli ultimi giorni il ministero degli Esteri, attraverso l'ambasciata italiana al Cairo, ha continuato a "sensibilizzare" le autorità egiziane "al fine di favorire la pronta scarcerazione" dello studente 29enne. "Siamo in una situazione paradossale in cui giudici, procuratori e altri esponenti della magistratura egiziana comunicano l'esito" dell'udienza "a tutti meno che all'avvocata", ha denunciato Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. "Questa vicenda, se confermata, dimostrerebbe ancora una volta che in Egitto le procedure, i diritti, il rispetto per la dignità dei detenuti valgono meno di zero", ha aggiunto. "Se per Patrick si apre il secondo anno di detenzione illegale, arbitraria, senza processo, crudele, allora dobbiamo davvero raddoppiare le forze e prepararci per una campagna ancora più massiccia".

L'8 febbrario manifestazione musicale per la liberazione

approfondimento

Voci x Patrick: maratona musicale con 140 artisti a sostegno di Zaki

Per l'8 febbrario si terrà la manifestazione 'Voci per Patrick' organizzata da Amnesty International, Mei (Meeting delle etichette indipendenti) e Voci per la libertà. Saranno dodici ore di musica con 140 artisti tra cui Roy Paci e Marina Rei che si susseguiranno in una grande maratona online per chiedere la libertà di Zaki. L'evento in streaming, dalle 12 alle 24, è la più grande mobilitazione musicale organizzata per Patrick. Sarà trasmesso su Facebook e YouTube su vari canali messi a disposizione da molteplici partner tra cui ci sono l'Università di Bologna, dove Patrick frequentava il master Gemma, il Comune di Bologna, Free Patrick Zaki, la Fondazione Lelio Luttazzi, il Movimento Napoli Capitale, la Scuola di Musica Popolare di Donna Olimpia di Roma. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.