Trump grazia 73 persone: c'è anche il suo ex stratega Steve Bannon, era accusato di frode

Mondo
©Ansa

È arrivato l'atteso giro di perdoni presidenziali nell'ultime ore del tycoon da inquilino della Casa Bianca. Oltre alle 73 grazie concesse ci sono anche 70 pene commutate. Tra le persone che ne hanno beneficiato il rapper Lil Wayne l'ex sindaco di Detroid Kwame Kilpatrick. Intanto secondo il Wall Street Journal il presidente uscente starebbe valutando il lancio di un nuovo partito, il "Patriot Party"

Nelle sue ultime ore alla Casa Bianca, il presidente uscente Donald Trump ha comunicato l'atteso lungo elenco di nomi - in totale 143 - a cui ha deciso di concedere la grazia o commutare la pena. Tra i graziati c'è anche Steve Bannon, suo ex stratega arrestato nell'agosto 2020 con l'accusa di frode nell’ambito della campagna online di raccolta fondi "We Build The Wall", per la costruzione di un muro al confine con il Messico, promessa in campagna elettorale da Trump. Bannon era in attesa di processo. In totale il tycoon ha concesso la grazia a 73 persone, e commutato la pena ad altre 70, ha comunicato la Casa Bianca. Tra le figure che hanno beneficiato del perdono presidenziale ci sono i rapper Lil Wayne e Kodak Black e l'ex sindaco di Detroit Kwame Kilpatrick.

Trump non grazia se stesso

approfondimento

Donald Trump crolla su TikTok, e la sfida è sospesa in attesa di Biden

Trump non ha perdonato se stesso, come alcuni media avevano ipotizzato, né suoi familiari, e nemmeno il suo avvocato Rudolph Giuliani. Tra le persone graziate non figurano neanche il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, né il whistleblower dell'Nsa, Edward Snowden.

Wsj: Trump valuta il lancio di un nuovo partito, il "Patriot Party"

Intanto, riporta il Wall Street Journal che cita alcune fonti, Trump avrebbe parlato con i suoi più stretti consiglieri della possibilità di fondare un nuovo partito chiamato "Patriot Party". Secondo il quotidiano il presidente uscente ha discusso della possibilità la scorsa settimana nonostante l'impeachment alla Camera. Non è chiaro quanto Trump stia valutando seriamente la creazione di un partito, che richiederebbe un significativo investimento di tempo e risorse

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.