Australia, a Cable Beach uomo ucciso da uno squalo durante nuotata

Mondo

Secondo l’agenzia governativa della Taronga Conservation Society, è l'ottavo attacco fatale di squalo nelle acque australiane nel 2020, anno segnato da 22 aggressioni ai danni di persone

Un uomo è stato ucciso da uno squalo nelle acque cristalline di Cable Beach, spiaggia popolare sulla costa nord-occidentale dell'Australia. Attaccato mentre era in acqua, è stato recuperato al largo dalle squadre di emergenza che gli hanno eseguito la rianimazione cardiopolmonare sulla scena e poi è stato trasportarlo d’urgenza in ospedale dove poco dopo è morto a causa delle ferite riportate. Secondo i media locali si tratterebbe di un uomo di circa 55 anni che intorno alle 9 ora locale stava nuotando da solo quando il pesce carinivoro lo avrebbe attaccato sbranandogli la coscia e la mano.  

Gli attacchi di squalo nelle acque australiane 

Secondo l’agenzia governativa della Taronga Conservation Society, è l'ottavo attacco fatale di squalo nelle acque australiane nel 2020, in cui ci sono state 22 aggressioni ai danni di persone. A Cable Beach, spiaggia di sabbia bianca incontaminata lunga 22 chilometri, vicino alla città di Broome, non sono frequenti questi attacchi, ma le autorità sono costrette a chiudere la spiaggia una o due volte l'anno quando nelle vicinanze vengono avvistati i micidiali predatori marini.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24