Elezioni Usa 2020, Biden porterà i cani Champ e Major alla Casa Bianca

Mondo
©Ansa

Da gennaio anche i pastori tedeschi del neo eletto presidente degli Stati Uniti varcheranno la soglia della residenza di Washington. Sono almeno 30 i presidenti che hanno avuto dei cani. La tradizione era stata interrotta da Trump che aveva rinunciato a portarne uno con sè

Quando a gennaio Joe Biden varcherà la soglia della Casa Bianca, accanto a lui ci saranno anche i suoi due pastori tedeschi: Champ e Major. Quella di portare degli amici a quattro zampe nella residenza presidenziale è diventata ormai una vera e propria tradizione negli Stati Uniti. Sono almeno 30 i presidenti che lo hanno fatto. Trump, invece, nel 2016 si era distinto decidendo di non portare nemmeno un esemplare con sè.

Una prima volta alla Casa Bianca

approfondimento

Joe Biden, dall'elezione al giuramento: le tappe verso la Casa Bianca

A gennaio alla Casa Bianca entrerà per la prima volta un cane adottato da un canile. Si tratta di Major, adottato da Biden nel 2018 presso la Delaware Human Association su consiglio della figlia Ashley. Per Champ, invece, sarà un grande ritorno visto che è stato regalato a Biden dalla compagna Jill nel 2008, quando il neo presidente era vice di Obama alla Casa Bianca.

Una tradizione presidenziale

La presenza di cani e gatti alla Casa Bianca da anni ormai fa parte della comunicazione politica. Biden è solo l'ultimo di una lunga serie di presidenti che hanno portato i propri amici a quattro zampe nella residenza di Washington. Proprio George Washington diede il via a questa tradizione, senza dimenticare Franklin Delano Roosvelt con il suo terrier Fala o Millie, la springer spaniel inglese del presidente George Bush senior. La cagnolina di Bush padre è sicuramente una delle più famose inquiline della sua razza alla Casa Bianca. Oltre ad una apparizione in una puntata dei Simpson, a lei la first lady Barbara Bush ha dedicato "Il libro di Millie" sulle memorie della propria cagnolina.

Il libro di Millie
Barbara Bush presenta "Il libro di Millie" a lady Diana - ©Fotogramma

La discontinuità di Trump e il precedente di Obama

Nel 2016 Trump aveva interrotto la tradizione presidenziale non portando alcun cane o gatto con sè alla Casa Bianca. A tal proposito, nel corso della campagna elettorale Biden sui propri canali social ufficiali ha spesso sottolineato di voler riprendere questa tradizione in caso di vittoria, in linea con altri presidente a partire proprio da Barack Obama, di cui è stato vice dal 2008 al 2016. I cani della famiglia Obama, Sunny e in particolare Bo, nel corso del mandato presidenziale avevano acquisito un vero e proprio status da star, partecipando a programmi televisivi e prendendo parte a clip promozionali.

Cani famiglia Obama
Bo e Sunny, i cani della famiglia Obama - ©Fotogramma

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.