Coronavirus Usa, previste quasi 300mila vittime entro dicembre

Mondo

Sono le stime dei ricercatori dell'Università di Washington, se negli Stati Uniti la mascherina continuerà ad essere opzionale. "Il comportamento della popolazione influenza la trasmissione del virus e il numero dei morti", sono le parole del direttore Christopher Murray. Intanto i decessi sono arrivati a oltre 160mila

I ricercatori dell'Università di Washington stimano che il bilancio delle vittime da coronavirus negli Stati Uniti (LA SITUAZIONE NEGLI ALTRI PAESI DEL MONDO - LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - LO SPECIALE) potrebbe aggirarsi attorno a quota 300mila entro il primo dicembre, senza l'uso della mascherina. "Indossarla a partire da oggi potrebbe salvare circa 70mila vite", dicono i nuovi dati dell'Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) presso la School of Medicine dell'Università di Washington. Le vittime totali per il coronavirus hanno superatori le 160mila, con 2mila morti nelle ultime 24 ore.

"Fondamentale il comportamento della popolazione"

approfondimento

Coronavirus, dall'India alle Filippine: i Paesi più colpiti in 24 ore

"Le previsioni per gli Stati Uniti sono di 295.011 morti entro dicembre", afferma l'IHME in una nota. Un grafico illustra una curva in netta e costante crescita nei prossimi mesi, fino a sfiorare la tragica cifra di 300mila vittime. Il direttore Christopher Murray ha poi avvertito: "Tale modello non deve diventare realtà, il comportamento della popolazione influenza la trasmissione del virus e il numero delle vittime”.

Duemila morti nelle ultime 24 ore

approfondimento

Coronavirus, la diffusione globale in una mappa animata

Secondo i dati della Johns Hopkins University negli Stati Uniti il coronavirus ha causato 2mila morti solo il 6 agosto, un dato che non si registrava da tre mesi. Il bilancio delle vittime totali, quindi, ha superato la soglia dei 160mila. I decessi nel Paese sono a oggi 160.104 a fronte di 4.883.582 casi confermati. Dall'inizio della pandemia negli Usa il numero di guariti è arrivato a 1.598.624.

No all'idrossiclorochina "sponsorizzata" da Trump

approfondimento

Coronavirus, Oms: contagi tra i bambini aumentati di sette volte

L'idrossiclorochina, farmaco utilizzato contro la malaria, l'artrite reumatoide e le condizioni di autoimmunità, promosso dal presidente Usa Donald Trump nella lotta al coronavirus, non va usata per trattare o prevenire il virus. La raccomandazione viene dalla task force ufficiale del governo australiano sulle evidenze cliniche del Covid-19. "È una raccomandazione basata sulle evidenze. Abbiamo piena certezza che l'idrossiclorochina non è efficace per il trattamento del Covid-19 e vi sono forti indicazioni che possa causare danni significativi" ha dichiarato il professor Julian Elliott, direttore esecutivo della task force.

Fauci con guardie del corpo dopo minacce di morte
 

Il virologo Anthony Fauci, membro della task force della Casa Bianca sul coronavirus, ha dovuto assumere delle guardie del corpo per proteggere se stesso e la sua famiglia dopo aver ricevuto minacce di morte in risposta al suo lavoro per fermare la diffusione del Covid-19. La pandemia ha tirato fuori "il meglio e il peggio delle persone, e ricevere minacce di morte per me e la mia famiglia, e molestie alle mie figlie mi ha portato al punto in cui devo avere agenti per la sicurezza - ha dichiarato - Quando ricevi minacce di morte che richiedono di avere sempre protezione, quando iniziano a disturbare i tuoi figli al telefono e al lavoro e a interferire con la loro vita, questo mi fa arrabbiare".

Mondo: I più letti