La Nuova Zelanda si dichiara libera dal Coronavirus: eliminate le restrizioni

Mondo

Dal 9 giugno il Paese passerà al primo livello di allerta, il più basso del suo sistema di allarme. In base a ciò, il distanziamento sociale non sarà più obbligatorio e non ci saranno limiti alle riunioni pubbliche, anche se i confini rimarranno chiusi 

La Nuova Zelanda fa un grande passo verso il ritorno alla normalità totale dopo l'emergenza Coronavirus. Dalla mezzanotte di martedì 9 giugno, infatti, sono rimosse tutte le restrizioni applicate per il contenimento del contagio. La guarigione dell'ultimo paziente considerato positivo e nessun nuovo caso registrato negli ultimi 17 giorni hanno concesso alla premier Jacinda Ardern di abbassare il livello di rischio a 1, il più basso della scala prevista dal Paese, e di permettere alle persone di tornare a una vita simile a quella che si conosceva prima del virus. Solo simile perché in realtà, anche se non più obbligatorio, il distanziamento sociale è sempre consigliato, ma non c'è più divieto di assembramento. I confini, però, restano chiusi e i neozelandesi che rientrano in patria dovranno comunque osservare una quarantena di 14 giorni. Si cerca, così, di ridurre al minimo il rischio dei contagi di ritorno.

Ballare per la felicità

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

"Crediamo di aver eliminato la trasmissione del virus in Nuova Zelanda per ora", ha detto la premier durante l'annuncio trasmesso in tv. La Ardern ha confessato anche di aver ballato nel soggiorno di casa sua quando le hanno confermato la possibilità di effettuare il fondamentale cambiamento nello stato di allerta. Con una popolazione di circa 5 milioni di persone, la Nuova Zelanda ha registrato in totale 1.154 casi di Covid-19 e 22 decessi.

Ritorno alla normalità

''Quasi certamente avremo altri casi, ma questo non significherà che abbiamo fallito, fa parte della natura del virus'', ha affermato Ardern. Anche il ministro della Sanità, Ashley Bloomfield, ha dichiarato che la trasmissione del virus in Nuova Zelanda è stata eliminata. In base alle nuove regole previste dal livello 1, tutte le scuole e i luoghi di lavoro saranno aperti. Matrimoni, funerali e trasporti pubblici potranno riprendere senza alcuna restrizione. Il passaggio al primo livello precede di due settimana la data prevista in origine. Il governo, infatti, aveva inizialmente programmato il 22 giugno come data limite, ma è stata anticipata dopo che il numero di contagiati non è mai cresciuto nelle ultime settimane

Quattro fasi in poco più di 2 mesi

La Nuova Zelanda è entrata in lockdown per la prima volta il 25 marzo. In quell'occasione è stato istituito un nuovo sistema di allarme in quattro fasi che debuttò con la fase 4, con cui la maggior parte delle attività commerciali e le scuole sono state chiuse e alla gente venne detto di rimanere a casa. Dopo poco più di cinque settimane, il livello di allarme è stato abbassato a 3, ad aprile, consentendo ai negozi di alimentari da asporto e ad alcune attività non essenziali di riaprire. Il numero di casi interni ha continuato a diminuire e a metà maggio il Paese era passato al livello 2.

Mondo: I più letti