Coronavirus Usa, 28 Stati allentano le restrizioni anche se non rispettano requisiti

Mondo

Cnn fa sapere che molti Stati avanzano verso la riapertura anche se non rispettano i requisiti fissati dall'amministrazione, a partire dalla riduzione dei casi negli ultimi 15 giorni. 30 milioni hanno chiesto sussidi di disoccupazione nell'ultimo mese e mezzo

Mezza America si prepara a riaprire. E’ quanto scrive Cnn che afferma che sono almeno 28 su 50 gli Stati che allenteranno le restrizioni contro il coronavirus dopo la scadenza delle linee guida della Casa Bianca. C’è un ma. Non tutti gli Stati però rispettano i requisiti necessari per avviare la fine del lockdown, a partire dalla riduzione dei casi negli ultimi 15 giorni.  Tra i primi Stati a ripartire ci sono la Florida e il West Virginia, dove oggi potranno a tornare a lavorare anche i dentisti, una delle categorie più a rischio.

30 milioni di americani senza lavoro

Va anche sottolineato che, nelle ultime sei settimane, gli americani che hanno chiesto i sussidi alla disoccupazione sono saliti a 30,2 milioni. Il dato mostra i pesanti effetti del coronavirus sull'economia, che nel primo trimestre si è contratta del 4,8%.

Dati sul conagio

I dati sul contagio non sono ancora rassicuranti. Secondo la Johns Hopkins University, infatti, continua a crescere il numero delle vittime, dove i morti a causa del coronavirus hanno superato quota 60.800. (AGGIORNAMENTILO SPECIALE). Anche il numero di decessi giornaliero torna a salire: nelle ultime 24 ore, sono stati 2.502, mentre il giorno precedente erano stati 2.200. I casi di contagio hanno superato il milione. "Non ci dobbiamo abituare al virus, perché sparirà. E quando sparirà, torneremo alla normalità", dice intanto Trump (LE INDICAZIONI DELLA FARNESINA SUGLI USA).

Trump: presto tornerò a viaggiare e fare comizi

Il presidente Usa vuole tornare alla normalità quanto prima, e punta a ricominciare campagna elettorale per Usa 2020. La prossima settimana, ha annunciato la Casa Bianca, il presidente dovrebbe recarsi in Arizona. "Spero anche di andare presto in Ohio", ha detto lo stesso tycoon, "cominceremo ad andare in giro di nuovo e in un futuro non molto lontano torneremo a organizzare enormi comizi". "E le persone - ha aggiunto - saranno sedute l'una accanto all'altra, perché non posso immaginare un comizio dove su quattro sedie solo una è occupata, non sarebbe un bello spettacolo" (Usa pronti ad autorizzare uso Remdesivir. VIDEO).

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.