Coronavirus, Paul McCartney: mangiare pipistrelli è da Medioevo

Mondo

L'ex Beatles, nel corso della trasmissione radiofonica di Howard Stern, ha criticato duramente i wet market cinesi: a suo modo di vedere, certe abitudini dovrebbero cambiare

Paul McCartney ha criticato duramente i wet market cinesi nel suo intervento alla trasmissione radiofonica di Howard Stern. L'ex Beatles ha sottolineato come la pratica di vendere e mangiare pipistrelli sia "da Medioevo" e andrebbe abolita. Proprio dal mercato di alimentari a Wuhan in Cina potrebbe essere partito, secondo una delle ipotesi della comunità scientifica, il contagio da nuovo Coronavirus.

L'attacco di Paul McCartney

Da sempre vegetariano, l'ex Beatles ha ammesso che "mangiare pipistrelli fa un po' Medioevo". L'auspicio dell'artista è che certi comportamenti possano cambiare nel prossimo futuro. "Spero - ha aggiunto McCartney - che il governo cinese imponga nuove norme in questo senso". "Anche la schiavitù - ha proseguito il baronetto - è durata tanti secoli, ma alla fine arriva il tempo di cambiare".

I wet market asiatici

In Asia i cosiddetti "wet market" commerciano tipicamente carne, prodotti freschi e, talvolta, presentano anche animali vivi. Una delle ipotesi al vaglio della comunità scientifica è che il Covid19 potrebbe aver avuto origine proprio nel mercato di animali vivi a Wuhan in Cina, primo focolaio della pandemia. Intanto, però, nei giorni scorsi, una svolta sulle abitudini alimentari della Cina, in realtà, è già arrivata sull'onda dell'emergenza globale, con lo stop al consumo di cani e gatti.  

Mondo: I più letti