Coronavirus, cambiano celebrazioni Pasqua in Vaticano. Via Crucis su sagrato San Pietro

Mondo

I riti della Settimana Santa si svolgeranno a porte chiuse a causa dell'emergenza. Due le novità: lo spostamento dal Colosseo a San Pietro del cammino che ricostruisce il percorso di Gesù verso la crocifissione e l'annullamento della Messa crismale del Giovedì santo

Sarà una Pasqua rivoluzionata dall’emergenza Coronavirus, almeno nelle modalità, quella che si celebrerà in Vaticano quest’anno. La Santa Sede ha comunicato le modalità con cui saranno svolte le celebrazioni pasquali, tutte a porte chiuse e senza fedeli. "Il Santo Padre celebrerà i Riti della Settimana Santa all’Altare della Cattedra, nella Basilica di San Pietro, secondo il seguente calendario e senza concorso di popolo", si legge nel comunicato della Santa Sede. Salta inoltre qualche appuntamento tradizionale. Ecco come si svolgerà la Settimana Santa (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SUL CORONAVIRUS - LO SPECIALE - MAPPE E GRAFICILE FOTO DELL’INCONTRO TRA IL PAPA E CONTE).

Il calendario

Quest’anno non sarà celebrata la messa crismale, quella che si tiene il giovedì santo. Cambia la Via Crucis, che invece di svolgersi al Colosseo, sarà sul sagrato della basilica di San Pietro. Il 5 aprile, Domenica delle Palme, Francesco celebrerà la messa alle ore 11 a San Pietro. Il 9 aprile, la messa “in Coena Domini” – quella che si tiene la sera del giovedì santo è in programma alle ore 18. Il programma del Venerdì Santo, il 10 aprile, prevede alle 18 la celebrazione della passione del Signore, presieduta dal Papa e alle 21, sul sagrato della basilica di San Pietro, la Via Crucis. Sabato santo, 11 aprile, la veglia della Notte Santa si terrà alle ore 21. Nella domenica di Pasqua, il 12 aprile, la celebrazione per la Resurrezione del Signore si svolgerà alle ore 11. Al termine, il Santo Padre impartirà la benedizione "Urbi et orbi".

Mondo: I più letti