Coronavirus, la preghiera del Papa nella piazza vuota: fitte tenebre sulle nostre città

Mondo

Sotto la pioggia, in un silenzio assordante, Bergoglio lancia il suo 'grido': Dio, non lasciarci in balia della tempesta. Poi, la benedizione del tutto inedita: quella Urbi et Orbi e la possibilità di avere l'indulgenza plenaria, solitamente riservata a Pasqua e Natale 

Scende la sera, l'uomo è smarrito e impaurito. Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo remare insieme. Dio, non lasciarci in balìa della tempesta. Sono queste le parole scelte da Papa Francesco nell'omelia pronunciata durante il momento straordinario di preghiera contro il coronavirus, in una piazza San Pietro deserta (FOTOAGGIORNAMENTI - SPECIALE - MAPPA E GRAFICI DEL CONTAGIO IN ITALIA - I CASI NEL MONDO). Bergoglio ha ricordati i medici in prima linea nella lotta al Covid-19, ma anche i politici che devono fare le scelte. Così nelle invocazioni si è pregato per "l'umanità, atterrita dalla paura e dall'angoscia", "gli ammalati e i moribondi, oppressi dalla solitudine", "i medici e gli operatori sanitari, stremati dalla fatica", "i politici e gli amministratori, che portano il peso delle scelte". Alla fine della celebrazione, il Pontefice ha impartito la benedizione "Urbi et Orbi", con la possibilità di ricevere l'indulgenza plenaria (COS’È): un momento molto forte quanto inedito, visto che di solito è riservato solo ai due grandi giorni di festa dei cattolici, la Pasqua e il Natale.

Bergoglio commosso

Papa Francesco, sotto la pioggia, è arrivato sul sagrato della basilica di San Pietro, dove ha presieduto la preghiera speciale in tempo di pandemia. Vicino al cancello centrale della basilica vaticana sono stati collocati l'immagine della Salus Populi Romani e il Crocifisso “miracoloso” di San Marcello. Visibilmente commosso, Bergoglio ha iniziato: “Dio onnipotente e misericordioso, guarda la nostra dolorosa condizione: conforta i tuoi figli e apri i nostri cuori alla speranza, perché sentiamo in mezzo a noi la tua presenza di Padre". Il Papa ha pronunciato la sua preghiera in un silenzio assordante. Come sottofondo alla sua voce, solo il battere della pioggia, il verso dei gabbiani e qualche ambulanza. Una situazione del tutto inedita, considerato che piazza San Pietro normalmente è stracolma di gente per le celebrazioni del Papa.

La preghiera di Papa Francesco

"Da settimane sembra che sia scesa la sera. Fitte tenebre si sono addensate sulle nostre piazze, strade e città; si sono impadronite delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante, che paralizza ogni cosa al suo passaggio: si sente nell'aria, si avverte nei gesti, lo dicono gli sguardi", ha detto il Papa (LO SPECIALE). "Ci siamo ritrovati impauriti e smarriti. Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti". "Come quei discepoli, che parlano a una sola voce e nell'angoscia dicono: 'Siamo perduti', così anche noi ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo, ma solo insieme", ha aggiunto.

"La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità"

La difficoltà di questo momento lascia scoperte tutte le nostre "false sicurezze", ha detto ancora Bergoglio. "La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità e lascia scoperte quelle false e superflue sicurezze con cui abbiamo costruito le nostre agende, i nostri progetti, le nostre abitudini e priorità. Ci dimostra come abbiamo lasciato addormentato e abbandonato ciò che alimenta, sostiene e dà forza alla nostra vita e alla nostra comunità", ha sottolineato. L'emergenza attuale, ha aggiunto, può essere l'occasione di "reimpostare la rotta della vita verso di Te, Signore, e verso gli altri". E ancora: il mondo è chiamato a dare "un significato" a questo tempo così difficile riscoprendo nuovi spazi per la solidarietà, ha detto il Pontefice, chiedendo a tutti di cambiare "rotta" tornando a Dio e ai valori veri. Perché pensavamo "di rimanere sempre sani in un mondo malato", afflitto da guerre e "ingiustizie planetarie", ha spiegato. 

"Nessuno si salva da solo"

Il Papa ha poi ricordato i "tanti compagni di viaggio esemplari che, nella paura, hanno reagito donando la propria vita". "Le nostre vite sono tessute e sostenute da persone comuni, solitamente dimenticate, che non compaiono nei titoli dei giornali e delle riviste né nelle grandi passerelle dell'ultimo show ma, senza dubbio, stanno scrivendo oggi gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermieri e infermiere, addetti dei supermercati, addetti alle pulizie, badanti, trasportatori, forze dell'ordine, volontari, sacerdoti, religiose e tanti ma tanti altri che hanno compreso che nessuno si salva da solo", ha detto.

Il Papa "implora" Dio

Nella preghiera speciale a San Pietro il Papa ha anche "implorato" Dio. "Ora, mentre stiamo in mare agitato, ti imploriamo: 'Svegliati Signore!'", "non lasciarci in balia della tempesta". Poi la benedizione: "Da questo colonnato che abbraccia Roma e il mondo scenda su di voi, come un abbraccio consolante, la benedizione di Dio. Signore, benedici il mondo, dona salute ai corpi e conforto ai cuori. Ci chiedi di non avere paura. Ma la nostra fede è debole e siamo timorosi. Però Tu, Signore, non lasciarci in balia della tempesta".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.