Morte Alan Kurdi, la Turchia condanna a 125 anni di prigione a testa tre scafisti

Mondo

I reati contestati sono omicidio e traffico di esseri umani. I tre uomini avevano organizzato la traversata nel mar Egeo nella quale perse la vita il bimbo di tre anni, la cui foto ha commosso il mondo

125 anni di prigione a testa per i tre scafisti turchi che avevano organizzato la traversata nel mar Egeo in cui nel 2015 morì il piccolo rifugiato siriano Alan Kurdi. I tre sono stati condannati dalla Turchia per traffico di esseri umani e omicidio. Lo riporta Anadolu.

La condanna dopo la latitanza

Il corpo di Alan, che aveva poco più di 3 anni, era stato ritrovato il 2 settembre 2015 su una spiaggia di Bodrum, sulla costa egea della Turchia. Da lì era partito verso le isole greche il gommone su cui si trovava, poi affondato. La foto della piccola vittima commosse il mondo e scatenò l'indignazione a livello globale per la crisi dei rifugiati siriani. Nello stesso naufragio persero la vita altre 4 persone che erano a bordo, mentre 9 vennero tratte in salvo. I magistrati avevano individuato cinque sospetti responsabili della traversata, due siriani e tre turchi. I siriani erano stati già arrestati e condannati nel 2016 a 4 anni e 2 mesi di carcere ciascuno per "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina". I turchi erano invece rimasti latitanti, fino al recente arresto nella provincia meridionale di Adana, vicino al confine siriano. Condotti nel tribunale cittadino, sono stati giudicati stamani in videoconferenza dai giudici di Bodrum, dove si era svolto il processo.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.