Coronavirus, parlamento francese nega ingresso a deputato italiano

Mondo

Alvise Maniero del Movimento 5 Stelle avrebbe dovuto partecipare a una riunione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ma il suo badge è stato revocato: “Perché vengo dal Veneto”. Fico: “Profondo sconcerto”

Dopo il caso della “pizza al coronavirus” si riaccende la polemica tra Roma e Parigi (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - DOMANDE E RISPOSTE). Questa a volta a far discutere è la decisione del parlamento francese di negare l’ingresso a un deputato dei Cinque Stelle, Alvise Maniero, presidente della delegazione italiana all'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa. Avrebbe dovuto partecipare a una riunione dell'organismo paneuropeo ma il suo badge è stato revocato. 

“Bloccato perché vengo dal Veneto”

"Perché vengo dal Veneto", ha raccontato lui stesso all'agenzia Ansa, spiegando che alcuni capigruppo dell'Assemblée Nationale hanno fatto pressione per non farlo entrare, in base alle disposizioni restrittive adottate nei confronti di chi viene dalle zone a rischio. "Sono d'accordo con l'adozione di misure preventive, ma allora devono essere applicate a tutti - ha commentato Maniero -. Io non vengo da nessuna zona rossa e non presento alcun sintomo".

Fico: “Profondo sconcerto”

La vicenda però non si è fermata sulla porta di Palazzo Borbone e ha suscitato subito reazioni a Roma. A partire dal presidente della Camera, Roberto Fico, che ha scritto una lettera al suo omologo francese, Richard Ferrand, per esprimergli il suo "più profondo sconcerto". "La decisione adottata nei soli confronti del deputato italiano non sembra trovare fondamento in determinazioni assunte a livello europeo o nazionale", ha aggiunto Fico nella lettera, lamentando che il mancato ingresso ha impedito la partecipazione di Maniero, "già programmata e comunicata", a riunioni riguardanti il Consiglio d'Europa. "Riterrei in ogni caso doveroso - ha sottolineato il presidente della Camera - che ogni decisione in proposito venisse adottata d'intesa con i Parlamenti interessati".

Fratelli d’Italia: serve presa di posizione

Una "dura presa di posizione della Camera" era stata sollecitata anche da Fratelli d'Italia, su quello che il capogruppo Francesco Lollobrigida ha definito "un grave affronto", e "su quanto sta accadendo in Europa ai danni della nostra Nazione". "Abbiamo inoltre avuto garanzie - ha concluso  - che il ministro degli Esteri Di Maio verrà in Question Time ad aggiornare sul tema".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.