Germania, attentatore xenofobo fa strage nei bar della comunità turca: 9 vittime

Ieri sera l'attacco armato ai bar frequentati dalla comunità turca. Il killer, Tobias Rathjen, è stato successivamente trovato morto nel suo appartamento, accanto al cadavere della madre, e ha lasciato una video-confessione in cui parla di "popoli da annientare"

1 nuovo post
Estremista di destra fa strage in Germania, ad Hanau, vicino Francoforte, in due bar frequentati da turchi e curdi: "Sono popoli da annientare", afferma in una video-confessione. Il killer, Tobias Rathjen, un tedesco di 43 anni, ha fatto fuoco intorno alle 22 di mercoledì 19 febbraio (FOTO) e ha ucciso 9 persone. Il suo corpo senza vita, e quello della madre, sono stati poi trovati nel suo appartamento. In tutto le vittime sono dunque 11. Sei i feriti di cui uno in gravi condizioni. 

Cosa sappiamo finora:

  • Le nove persone uccise sono turche e curde. Tra loro anche una donna incinta di 35 anni
  • Il killer, 43 anni, di nazionalità tedesca, ha lasciato una video-confessione in cui rivendica la volontà di "annientare alcuni popoli" (CHI ERA)
  • Sulla strage indaga la Procura antiterrorismo, che cerca "eventuali sostenitori". Per gli inquirenti il movente è legato all'estrema destra
  • "Il razzismo è un veleno colpevole di troppi crimini" ha commentato la cancelliera Angela Merkel
- di Redazione Sky TG24

IL LIVEBLOG SI CHIUDE QUI, PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SEGUI LA DIRETTA DI SKY TG24

- di Redazione Sky Tg24

Sindaco: "Da ieri è cambiato il mondo"

"Non solo ad Hanau e per le famiglie delle vittime, da ieri sera alle 22, il mondo non è più quello di prima". Lo ha detto il sindaco di Hanau, Claus Kaminsky, prendendo la parola alla veglia in corso nella città dell'Assia per commemorare le vittime della strage commessa ieri sera da un 43enne tedesco spinto dall'odio xenofobo. "Il razzismo e l'odio non hanno futuro, noi siamo di più", ha affermato fra gli applausi.
 
- di Redazione Sky Tg24

Veglia a Berlino dopo la strage ad Hanau

- di Redazione Sky TG24

Mattarella, integrazione è fondamento Ue 

La Germania "sa di poter contare sempre sul pieno sostegno dell'Italia nel difendere insieme e con la più ferma determinazione i principi di tolleranza, rispetto e integrazione che costituiscono l'essenza della democrazia e il fondamento dei più alti e irrinunciabili valori dell'Unione Europea". Lo afferma il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, in un messaggio al Presidente della Repubblica Federale di Germania, Frank-Walter Steinmeier, colpito dalla strage di Hanau.
 
- di Vittorio

Fassino, fermare odio e razzismo

"9 morti ad Hanau in Germania, vittime dell'azione omicida di un estremista di destra. Fermare odio, razzismo e rancore che corrono sotto la pelle delle nostre società è condizione indispensabile per salvaguardare convivenza civile, diritti e vita delle persone". Lo scrive Piero Fassino del Pd.
- di Vittorio

Erdogan, Germania farà luce sull'attacco

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha parlato dell'attentato che avvenuto ieri nella città di Hanau, in Germania, che ha causato la morte di 9 persone, 5 delle quali di nazionalità turca, esprimendo massima fiducia nelle autorità tedesche. "La nostra ambasciata sta seguendo il caso con la dovuta sensibilità. Credo che le autorità tedesche competenti faranno le mosse necessarie per far luce su questo attacco", ha detto Erdogan 
- di Vittorio

Stessa arma massacro Monaco, comprata su Internet

Tobias Rathjen, il killer di Hanau, aveva comprato su Internet l'arma con la quale ha compiuto la strage. A quanto afferma Redaktionsnetwerk Deutschland, si tratta di una Glock 17,9, lo stesso tipo di arma utilizzata dall'uomo che aveva causato un bagno di sangue nel 2016 Monaco di Baviera in un centro commerciale. La Bild poi riferisce che Rathjen era in possesso di altre due pistole: una Sig Sauer 9 millimetri e una Walther. La Sig era stata acquistata nel 2014 insieme all'arma del delitto di ieri nello stesso negozio online. L'estremista di destra aveva il porto d'armi sin dall'estate del 2013.
- di Vittorio

Quartapelle (Pd), non banalizziamo slogan odio

"Vorrei non aver dovuto chiedere la parola oggi e, invece, un attentato come quello di Hanau in Germania non può passare sotto silenzio. Il gesto di un folle nutrito di pregiudizio, di odio e di paura, deve essere condannato in quest'aula, con determinazione". Così Lia Quartapelle, capogruppo dem in commissione Esteri alla Camera, intervenendo in Aula a Montecitorio.
 

- di Vittorio

Boldrini, xenofobia genera mostri

"Distruggere le persone la cui espulsione dalla Germania non è più possibile, così sembra aver detto l'attentatore tedesco prima di compiere una strage orrenda. L'estremismo razzista va combattuto con ogni mezzo, la cultura xenofoba può generare mostri", afferma l'ex presidente della Camera Laura Boldrini a proposito della strage di Hanau.
- di Vittorio

Musulmani tedeschi, dovremo proteggerci da soli

"Dopo l'atto di terrore di ieri, chiedo ai musulmani in Germania di essere più vigili e di prendere ulteriori misure di sicurezza per sé, le proprie famiglie ed i luoghi di culto": è quanto ha dichiarato il presidente del Consiglio centrale degli islamici in Germania, Aiman Mazyek, in seguito alla strage di Hanau.
- di Vittorio

Ucoii, altro sangue e dolore annunciati

"Un'altra strage, altro sangue e dolore", con "un attentatore certamente disturbato, a sentire il suo appello recentemente postato sui social, ma indubbiamente impregnato di odio per gli stranieri, i musulmani in particolare, e tutti coloro che a quanto affermava avrebbero dovuto 'essere annientati' poiche' ormai era 'impossibile espellerli'". Così l'Unione delle comunita' islamiche d'Italia (Ucoii) commenta l'attentato di Hanau in Germania.
 
- di Vittorio

Procura, verifiche su eventuali sostenitori

L'obiettivo delle indagini della procura generale tedesca, al momento, è scoprire se nella strage di Hanau l'attentatore 43enne abbia avuto sostegno da qualcuno e per questo vengono al momento controllati i contatti che aveva nel suo ambiente e anche all'estero". Lo ha annunciato il procuratore generale Peter Frank.
- di Vittorio

Video attentatore e documento di 24 pagine
 

L'attentatore di Hanau, Tobias Rathien, era molto attivo su internet e aveva caricato nei giorni scorsi diversi documenti sul proprio canale youtube, riferisce il giornale tedesco Sueddeutsche Zeitung. Tra questi anche un documento scritto di 24 pagine indirizzato al popolo tedesco in cui si sottolinea la necessità di eliminare alcune popolazioni che non è più possibile espellere dalla Germania. Il 14 febbraio scorso Rathien aveva pubblicato un video di circa due minuti nel quale faceva riferimento a teorie cospiratorie e basi militari segrete e mette in guardia dalle verità propagate dai media mainstream.
Il video, riferisce sempre Sz, è stato ritirato dalla rete in Germania. Nel documento scritto di 24 pagine dedica un intero capitolo alle donne in cui dice di non aver mai avuto una ragazza nella sua vita: "Non prendo moglie quando so di essere controllato" ha scritto Rathien, riferisce SZ.
- di Vittorio

Bonetti, contrastare razzismo ed estremismo

"Una strage terribile, quella di Hanau, che colpisce la Germania e l'Europa intera. Il contrasto al razzismo e ad ogni forma di discriminazione ed estremismo deve impegnarci nel segno di una responsabilità comune". Lo ha scritto sul suo profilo Facebook la ministra per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti.
- di Vittorio

von der Leyen, non c'è posto per razzismo in Ue

"Non c'è posto per la xenofobia e il razzismo in Europa. Quanto avvenuto a Hanau è contrario a tutti i valori dell'Unione europea". Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, arrivando al vertice sul budget Ue.
- di Vittorio

Steinmeier, sto con chi è minacciato da odio razzista

"Io sono dalla parte di tutte quelle persone che vengono minacciate dall'odio razzista. Non sono sole". Lo ha detto il presidente della Repubblica tedesco Frank-Walter Steinmeier, che oggi si reca a Hanau. 
- di Vittorio

Bild, tra le vittime anche una donna incinta

Tra le vittime di Tobias Rathjen, il killer di Hanau, vi sarebbe anche una donna incinta di 35 anni, madre di altri due bambini. È il quotidiano tedesco Bild a scriverlo. Le autorità di Berlino non hanno ancora ufficialmente reso noto quali siano i Paesi d'origine delle 9 vittime colpite nel doppio attacco di ieri sera in due 'shisha bar' di Hanau, il 'Midnight' e 'L'Arena Bar & Cafe".
- di Vittorio

Carola Rackete: gli omicidi non sono xenofobi, ma razzisti

- di Redazione Sky TG24
- di Redazione Sky TG24

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.