Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Iran agli Usa: sarà un nuovo Vietnam. Smentito il ritiro delle truppe dall'Iraq

Duro avvertimento del consigliere di Khamenei a Trump: "Nemmeno la sua morte vendicherà Soleimani". Folla a Teheran per commemorare il generale. La risposta del presidente Usa: "Reagiremo in maniera sproporzionata". La Nato: "L'Iran non avrà mai un'arma nucleare"

Leggi tutto
1 nuovo post
Giornata di roventi tensioni tra Usa e Iran, con ripercussioni in tutto lo scacchiere internazionale, dopo l’uccisione da parte di un raid americano a Baghdad del generale iraniano Soleimani. Da un lato Teheran avverte: "Se gli Stati Uniti non si ritirano, affronteranno un altro Vietnam. Neanche la morte di Trump vendicherà la morte di Soleimani"; dall'altro Trump tiene il punto e via Twitter dire: "Teheran non avrà mai un'arma nucleare".  
In giornata salgono i prezzi di petrolio e oro, Moody's avverte: "Un duraturo conflitto" causerebbe "shock economici e finanziari. La società petrolifera Chevron evacua tutti i suoi dipendenti e contractor americani in Iraq come "misura precauzionale". 
 

Diplomazia al lavoro 

Fissato per venerdì l'incontro dei Ministri degli esteri europei a Bruxelles (VIDEO), mentre oggi c'è stato un vertice Nato al termine del quale il segretario generale Antonio Guterres ha lanciato un appello: "fermare l'escalation, riparta il dialogo". Da Germania, Francia e GB arriva la richiesta all'Iran di tornare ad applicare l'accordo sul nucleare. 
- di Redazione Sky TG24

Usa: lettera a Iraq era bozza, non andava inviata

Un generale americano ha spiegato che la lettera citata da alcuni media in cui si parla di ritiro Usa dall'Iraq era una bozza non firmata e mal formulata che mirava a sottolineare l'aumentato livello del movimento di truppe, ma che non doveva essere inviata. Secondo il capo del comando interforze Mark Milley, "e' stato un errore di McKenzie", ovvero il comandante del Comando centrale Usa, generale Frank McKenzie. "Non doveva essere inviata".
- di Redazione Sky TG24
 
- di giuliana.devivo
 
- di giuliana.devivo

Il ministro degli Esteri iraniano annuncia summut sulla sicurezza nel Golfo

"Mentre gli Usa mostrano un assoluto disprezzo della Carta Onu e del fatto che il loro catastrofico avventurismo incoraggia l'estremismo e il terrore, domani si terrà il Teheran Dialogue Forum e discuteremo dei modi per raggiungere la sicurezza regionale, compreso l'Hormuz Peace Endeavour": lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, riferendosi al piano per la sicurezza del Golfo proposto all'Onu dall'Iran
 
- di giuliana.devivo

La società petrolifera Chevron evacua personale da Iraq 

 
La seconda maggiore società petrolifera americana, Chevron, ha evacuato tutti i suoi dipendenti e contractor americani in Iraq come "misura precauzionale" dopo il raid Usa che ha ucciso il generale iraniano Qassem Suleimani, venerdi' a Baghdad. Lo riferisce la Cnn, citando un portavoce della compagnia, il quale spiega che lo staff locale monitora le attività della società in Kurdistan
 
- di giuliana.devivo

Borrell: da Ue ruolo centrale nel ridurre tensioni


"Ho convocato un Consiglio straordinario per gli affari esteri con i nostri Stati membri venerdì pomeriggio, 10 gennaio, per discutere dei recenti sviluppi in corso Iraq e Iran". Lo scrive su twitter l'Alto rappresentante Ue Josep Borrell
 


 
- di giuliana.devivo

Telefonata Conte-Merkel: stretto raccordo Ue su Iran e Libia 

 
Si è svolta oggi una lunga conversazione telefonica tra il Presidente del Consiglio e la Cancelliera tedesca Merkel, nel corso della quale sono stati esaminati in modo approfondito i dossier relativi alla Libia e all'Iran/Iraq: lo si apprende da una nota di palazzo Chigi. Su entrambi gli scenari è stata confermata l'esigenza di uno stretto raccordo europeo e di un costante coordinamento sia a livello di Ministri, sia di Capi di Stato e di Governo
- di giuliana.devivo

Moody's: da duraturo conflitto Usa-Iran rischio shock globale sul prezzo del petrolio 


"Un duraturo conflitto" fra Stati Uniti e Iran causerebbe "shock economici e finanziari" in grado di "peggiorare le condizioni operative e di finanziamento". Lo afferma l'analista di Moody's Alexander Perjessy, sottolineando che un "prolungato conflitto avrebbe potenziali conseguenze globali, in particolare tramite gli effetti sul prezzo del petrolio"
- di giuliana.devivo

Von der Leyen, l'Ue intende mediare tra Usa e Iran

 
 L'Ue intende fare da mediatore nella crisi tra Iran e Stati Uniti. Lo ha detto la presidente della Commissione Ursula von der Leyen in margine al vertice di partito della Csu a Seeon, in Baviera. "Il mio compito non è quello di dare valutazione, ma di lavorare per una de-escalation e nel trovare delle soluzioni", ha spiegato Von der Leyen ai giornalisti presenti, aggiungendo che è necessario "trovare spazio per la diplomazia" e "sostenere coloro che rimangono assennati".
A detta di Von der Leyen, l'operazione militare Usa che ha portato all'uccisione del generale Qassem Soleimani è arrivata al termine di una "ripetuta provocazione, durata settimane, da parte di forze vicine all'Iran". Ora però è il tempo della "diplomazia", ed è in particolare nell'interesse di Teheran e di Baghdad "percorrere la via della saggezza e non dell'escalation".
- di Redazione Sky TG24

Stoltenberg su Soleimani hanno deciso Usa, non la Nato 

 
 La decisione di assassinare il generale iraniano Qassem Soleimani è stata una "decisione Usa e non della Nato". Lo ha affermato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, precisando però che "tutti gli alleati sono preoccupati per le attività destabilizzanti dell'Iran nella regione".
- di Redazione Sky TG24

Merkel e BoJo telefonano al premier iracheno Mahdi

 
Continuano le iniziative diplomatiche europee dinnanzi all'acuirsi della crisi iraniana. Sia Angela Merkel che Boris Johnson hanno oggi telefonato al premier iracheno Abdel Mahdi dopo la decisione del parlamento di Baghdad di chiedere alle forze straniere di ritirare le proprie truppe dal Paese.
 
- di Redazione Sky TG24

Il segretario generale della Nato: Iran eviti altre violenze 

 
L'Iran "deve evitare un aumento della violenza e delle provocazioni",  ha detto, al termine del vertice urgente di oggi, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg
- di giuliana.devivo

A Baghdad cortei contro gli Usa

 
 
 
- di Redazione Sky TG24

Il portale Gizmodo: "Hackerato sito governativo Usa con messaggi pro Iran"

 
Secondo il sito di tecnologia Gizmodo, una pagina web del Federal Depository Library Program (FDLP) sarebbe stata hackerata con un'immagine della faccia del presidente Trump che riceve un pugno e sanguina dal naso. Secondo la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA), una divisione del dipartimento di Homeland Security, non ci sono al momento prove che dietro l'attacco ci sia effettivamente l'Iran
- di giuliana.devivo

Stoltenberg: Iran non deve mai acquisire arma nucleare 

 
"Gli alleati hanno affermato che l'Iran non deve mai ottenere l'arma nucleare e si sono detti preoccupati dal programma missilisti dell'Iran". Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg al termine della riunione straordinaria degli ambasciatori dei 29 paesi dell'Alleanza atlantica. "L'Iran deve astenersi da ulteriori violenze e provocazioni, serve una de-escalation e comportamenti responsabili e moderazione", ha aggiunto precisando che è "stata sospesa temporaneamente la missione di addestramento in Iraq".
 
 
- di Redazione Sky TG24

Soleimani, Di Stefano (M5s): basta ipocrisia Ue su nucleare

 
"Onestamente, va bene tutto ma l'ipocrisia no. Sono fermamente convinto che l'Unione Europea sia l'unica credibile nei rapporti con l'Iran in questo momento storico (e più in generale con tutto il Medio Oriente) ma, davvero l'alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell, pensa di
poter 'deplorare' la decisione dell'Iran sull'uscita dall'accordo nucleare?". Lo scrive su F
acebook il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano (M5s).
   
 
 
 
- di Redazione Sky TG24
Migliaia di persone affollano le piazze di Teheran (FOTO) per l'ultimo saluto al generale Qassem Soleimani. In lacrime sulla bara la guida suprema, l'ayatollah Ali Khamenei.  Akbar Velayati, consigliere del leader iraniano Ali Khamenei, ha avvertito: "Neanche la morte Trump lo vendicherebbe. Se gli Stati Uniti non ritirano le forze dalla regione, affronteranno un altro Vietnam". 
 

Trump non arretra

 
Il presidente Usa dal canto suo non arretra e ribadisce che se l'Iran attaccherà gli Stati Uniti ci sarà una "grave rappresaglia". Poi, mette in guardia: "Se le truppe Usa saranno costrette a lasciare l'Iraq, le sanzioni saranno enormi".
 

Gli appelli della diplomazia 

 
I leader di Germania, Francia e Gran Bretagna chiedono all'Iran di tornare ad applicare l'accordo sul nucleare del 2015. Conte caldeggia un'azione europea per scongiurare l'escalation e assicura che l'Italia farà il possibile per proteggere i militari italiani impegnati nella regione. L'Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell deplora la decisione dell'Iran sull'accordo nucleare. Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, al termine del vertice urgente di oggi, dice che l''Iran "deve evitare un aumento della violenza e delle provocazioni"
- di Redazione Sky TG24

Baghdad, slogan contro gli Usa

 
 
- di Redazione Sky TG24

"Neanche morte Trump vendicherebbe Soleimani"

"Anche se colpissimo tutte le basi Usa, o uccidessimo Trump o il suo ministro della Difesa, non sarebbe sufficiente a vendicare l'uccisione di Qassem Soleimani. Solo l'espulsione degli americani dalla regione lo sarà": lo ha detto il brigadiere generale Amir Ali Hajizadeh, comandante delle unità aerospaziali dei Pasdaran, durante i funerali delle generale Soleimani a Teheran 
- di giuliana.devivo