Migranti, Ocean Viking: evacuata a Malta donna incinta al nono mese

Mondo

Le autorità dell'isola hanno risposto alla richiesta e organizzato il trasporto in ospedale in elicottero. Restano a bordo altri 82 migranti, la ong Sos Mediterranee continua a chiedere un porto sicuro ma La Valletta e l'Italia non danno al momento segnali

Una donna incinta al nono mese è stata evacuata d’urgenza a Malta con un elicottero dalla Ocean Viking, la nave della ong Sos Mediterranee e di Medici senza Frontiere che da domenica scorsa, 8 settembre, ha salvato un’ottantina di migranti al largo della Libia. Sono state le autorità dell'isola a rispondere ed organizzare il trasporto della donna insieme al marito, dopo che la Ocean Viking, che ha rifiutato il “porto sicuro” offerto dalla Libia, ha deciso di dirigersi verso nord e di rivolgersi ad Italia e Malta l'evacuazione medica della donna incinta, che ha "sviluppato gravi complicazioni mediche". La nave ha ribadito la richiesta di far scendere anche gli altri 82 soccorsi a bordo (LO SPECIALE MIGRANTI).

Malta e Italia non rispondono a richiesta di un porto sicuro

Si tratta, spiega Msf, "di una misura precauzionale dettata dalla preoccupazione per potenziali complicanze che potrebbero insorgere durante un parto a bordo". Un elicottero si è alzato in volo dall'isola, si è diretto verso la nave ed ha portato a termine l'evacuazione. Nessuna risposta da Malta e La Valletta, invece, per quanto riguarda il porto sicuro per gli altri 82 ospiti.

Zingaretti e Sassoli chiedono lo sbarco

Dopo il segretario del Pd, Nicola Zingaretti ("Quella nave per me deve entrare, senza se e senza ma"), anche il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha sollecitato lo sbarco. "Vediamo se il nuovo Governo riapre i porti": se lo farà "sarà un pessimo segnale", è invece la sfida dell'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini. Mentre nessun segnale arriva dalla nuova ministra Luciana Lamorgese. Per ora, dal Viminale, l'unico atto formale è stato ribadire attraverso la Guardia costiera ad un'altra nave umanitaria, la Alan Kurdi, che era ancora in vigore il divieto di ingresso nelle acque territoriali firmato da Salvini, Trenta e Toninelli. Nessuna firma analoga al momento per la Ocean Viking da parte di Lamorgese.

I due salvataggi della Ocean Viking

Risale a domenica scorsa il primo intervento della Ocean Viking al largo della Libia: 50 persone su un’imbarcazione in difficoltà. La nave è quindi rimasta in zona e martedì ha salvato altri 30 migranti soccorsi da un veliero mentre si trovavano su un gommone. Le autorità libiche - competenti sull'area - hanno offerto Tripoli come 'place of safety', porto sicuro dove sbarcare le 84 persone. Offerta respinta dalle ong: "la Libia non è un porto sicuro". Da qui la decisioni di andare verso nord e verso Malta.

Mondo: I più letti