Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Conte sulla Libia: "Non stiamo né con Serraj né con Haftar, ma con il popolo"

2' di lettura

Il premier da Pechino, dove partecipa al Forum Belt and Road: “Il mio governo mira alla stabilizzazione del Paese, ho detto più volte che la situazione militare non è affidabile”

L'Italia "non è né a favore di Serraj né a favore di Haftar, ma a favore del popolo libico, che ha il diritto di vivere in pace". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, spiegando che la posizione italiana sulla crisi libica non è a favore di un singolo attore. "Il mio governo - ha assicurato - mira alla stabilizzazione del Paese".

“Situazione militare non è affidabile”

"Ho detto più volte che la situazione militare non è affidabile", ha aggiunto il premier, ribadendo che "non è con l'opzione militare che si può stabilizzare la Libia". "Con Putin ci siamo scambiati qualche parola ma non era il contesto giusto" per parlare di Libia: "Abbiamo rinviato il colloquio più concreto su questi temi a domani".

La telefonata di Serraj

Di prima mattina Conte aveva sentito al telefono Serraj. Il premier libico gli avrebbe spiegato che l'esercito nazionale "difenderà Tripoli con tutto il suo vigore" fino a che non respingerà "l'aggressore" Haftar. Lo scontro si protrae da settimane, ed ha già causato centinaia di vittime e creato la prospettiva di una lunga guerra.

Data ultima modifica 26 aprile 2019 ore 21:35

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"