Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Bimbo cieco di 6 anni suona Bohemian Rhapsody al piano. Il video è virale

I titoli di Sky Tg24 delle 18 del 16/03

2' di lettura

Avett Ray Maness è un bambino americano nato con una malattia vascolare della retina e con un talento straordinario: a 11 mesi ha iniziato a suonare a orecchio il piano e ora i video delle sue performance riscuotono molto successo

Un bambino che suona il pianoforte come un adulto e si cimenta nel capolavoro dei Queen, Bohemian Rhapsody. Basterebbe questo per stupire gli spettatori. Ma Avett non ha solamente sei anni: è anche cieco e ha imparato a suonare lo strumento da solo, a orecchio. Il video che lo immortala all’opera, postato sul suo canale Youtube, è diventato in poco tempo virale.

Ha iniziato a suonare a 11 mesi

Avett Ray Maness vive in Ohio e, secondo quanto raccontato dalla mamma Sara Moore alla Cbs News, quando aveva solo 11 mesi ha iniziato a suonare il pianoforte: “Ha cominciato a suonare 'Twinkle Twinkle Little Star' (una famosa ninnananna inglese, ndr) a orecchio”, ricorda la mamma. Ora, un insegnante lo aiuta e il piccolo prende lezioni. Il primo video del piccolo che è diventato virale sul web è quello in cui chiede alla madre di mandare ad Adele, la cantautrice britannica di cui è appassionato fan, le sue canzoni.Visto il talento straordinario di Avett sono arrivate le richieste per esibizioni in pubblico. In aprile, ad esempio, suonerà per un evento di raccolta fondi mentre ha già suonato in una scuola dell'Ohio davanti a oltre 900 persone.

Protagonista di un libro

Il piccolo è nato con retinopatia del prematuro, una malattia vascolare della retina che si manifesta in neonati pretermine. È completamente cieco ad un occhio e vede pochissimo dall'altro. Per questo, è costretto a camminare con un bastone e legge in braille. Per tenere alta l’attenzione sul tema della comprensione e dell’accettazione di persone con necessità speciali, la mamma di Avett ha anche scritto un libro, di cui il bimbo è protagonista. “Siccome Avett non poteva vedere le nuvole, ho scritto ‘Cotton Candy Clouds’ così ora riesce a immaginarle. Il libro è un modo per parlare della diversità e di come siamo tutti speciali. Io vorrei insegnare agli altri a relazionarsi con le persone cieche”, spiega.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"