Israele, elezioni anticipate ad aprile 2019. Netanyahu: “Coalizione sarà riconfermata”

Mondo

Media israeliani riferiscono la decisione della coalizione al potere di sciogliere il Parlamento e votare tra qualche mese. La crisi è iniziata lo scorso novembre, quando il ministro della Difesa si era dimesso perché in disaccordo con Netanyahu

Elezioni anticipate in Israele ad aprile del prossimo anno. È quanto deciso dai capi della coalizione di governo, secondo le notizie riferite dai media israeliani. "Nel rispetto della responsabilità nazionale e di bilancio è stato deciso all'unanimità di sciogliere la legislatura alla Knesset e di andare a nuove elezioni all'inizio di aprile al termine di un mandato di quattro anni completo": sarebbe questo l’annuncio scritto nel documento dei partiti della coalizione, compreso quello del premier Benjamin Netanyahu, il Likud. Secondo i media la data potrebbe essere quella del 2 o del 9 aprile. Il termine naturale della legislatura in corso era a novembre del 2019. 

Netanyahu: “Coalizione governo sarà riconfermata”

"La coalizione uscente è il nucleo di quella che le verrà dopo". Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu commentando alla Knesset la decisione della coalizione di governo di voto anticipato ad aprile prossimo, probabilmente martedì 9. "Gli israeliani - ha aggiunto dopo aver elencato i successi del Paese sul piano diplomatico, militare ed economico - faranno cosa giusta se mi confermeranno al governo".

L’abbandono di Avigdor Lieberman

A innescare la crisi che porterà a elezioni anticipate è stato, a metà novembre, l’annuncio delle dimissioni dell'allora ministro della Difesa Avigdor Lieberman. Lieberman era infatti in aperto contrasto con Netanyahu, dopo la decisione del governo di aderire al cessate il fuoco con Hamas e le fazioni palestinesi della Striscia di Gaza, tregua mediata da Onu ed Egitto. Una "resa al terrorismo", aveva denunciato Lieberman, sottolineando che così facendo Israele stava "comprando la calma a breve termine a costo di compromettere la sua sicurezza sul lungo periodo".

La crisi di governo

Insieme a lui, avevano lasciato l'esecutivo tutti i membri del partito Ysrael Beiteinu, lasciando nelle mani di Netanyahu una coalizione di governo debolissima, con un solo voto di maggioranza (61 seggi su 120). Netanyahu aveva preso tempo, assumendo la carica di ministro della Difesa, ma ora non può più rimandare il voto anticipato. La notizia delle elezioni è stata accolta con soddisfazione da Lieberman: "Abbiamo detto per un mese intero che questo è un governo di sopravvivenza, non è operativo e quindi per il popolo d'Israele, la cosa più importante è un governo nuovo e stabile".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.