Hong Kong, apre il ponte sul mare più lungo del mondo

3' di lettura

Debutta il prossimo 24 ottobre il progetto cinese dei record, struttura con numeri faraonici ma anche criticata perché vista come un modo della Cina per estendere il suo dominio sull'area

Debutta il ponte sul mare più lungo del mondo. I primi veicoli questa settimana potranno infatti transitare da Hong Kong a Zhuhai in soli 45 minuti, contro le quattro ore necessarie attualmente, e da lì potranno raggiungere Macao in soli 15 minuti. Costato oltre 20 miliardi di dollari il ponte è pensato per resistere a terremoti di magnitudo 8, super tifoni o all'urto di una nave. Tuttavia la struttura è stata anche ampiamente criticata per il suo impatto ambientale e vista come un modo del governo cinese di estendere il suo controllo su Hong Kong.

Il ponte dei record

La struttura che collegherà Hong Kong a Zhuhai (e da lì a Macao) è lunga 55 chilometri e ha richiesto per la sua costruzione 400mila tonnellate di acciaio (quattro volte e mezzo la quantità utilizzata per il Golden Gate di San Francisco). Le curve della strada sono state pensate per dare al tratto la forma di un serpente. Il progetto include un tunnel sottomarino di 6,7 chilometri, collegato al ponte attraverso due isole artificiali. La creazione di questa parte dell'opera stata decisa perché il delta del Fiume delle Perle è una delle aree più trafficate al mondo: ogni giorno vi circolano 4mila navi per le quali era necessario lasciare un passaggio. Il cantiere dell'opera è stato inaugurato nel 2009 e la costruzione del ponte sarebbe dovuta terminare nel 2016: i lavori, però, sono stati rallentati anche da incidenti che sono costati la vita a dieci operai; mentre altri 600 sono rimasti feriti.  

La circolazione

Uno studio preliminare aveva calcolato che il transito giornaliero sul ponte si sarebbe dovuto attestare su una media di 33.100 veicoli, stima poi scesa a 29mila unità. Le auto private potranno circolarvi solo con un permesso speciale: il tratto stradale dovrebbe infatti essere utilizzato per lo più da autobus privati e veicoli a noleggio, mentre non verrà percorso da mezzi pubblici.

Un'opera per rilanciare l'economia

L'inaugurazione del ponte avverrà il 24 ottobre, pochi giorni dopo la diffusione dei dati che evidenziano un rallentamento dell'economia cinese parallelo alle tensioni commerciali con gli Stati Uniti. Alla cerimonia sarà presente anche il presidente Xi Jinping. La struttura è vista dalle autorità di Pechino come un'opera cruciale per rilanciare l'economia della regione, base manifatturiera per l'export cinese, e per collegare città di altissimo valore economico come Hong Kong e Macao. Il piano Greater Bay Area infatti prevede la connessione di questi due centri con 11 altre città cinesi, con l'obiettivo di dare vita a un'area dedicata all'hi-tech concorrente della Silicon Valley americana.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"