Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Il "non caso" Khashoggi

2' di lettura

Vicino Oriente

All'indomani della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi si aprono scenari sul futuro della Monarchia e del Medio Oriente

Oggi possiamo dire di sapere quasi tutto del caso Jamal Khashoggi, il giornalista saudita “scomparso” nel suo consolato a Istanbul . Manca solo la versione ufficiale, ma sappiamo anche che – se mai verrà fornita – sarà una versione di comodo. Le ricostruzioni giornalistiche, fornite soprattutto dal Washington Post, quotidiano per cui il giornalista collaborava da quando si era autoesiliato negli Usa, sono atroci, dettagliate e credibili. Ci sono le immagini dei sospetti autori dell’omicidio, sappiamo il luogo in cui è avvenuto – il consolato saudita a Istanbul, sappiamo perfino le motivazioni. Khashoggi era una spina nel fianco del Regno, con le sue feroci critiche all’erede al trono Mohamed bin Salman, per il suo l’intervento in Yemen e per l’agenda “2030”.

Possiamo dire anche con una certa sicurezza che cosa succederà nel prossimo futuro. Praticamente niente.

Perché è vero che Donald Trump ha chiesto chiarezza e si è detto preoccupato, che l’Unione Europa ha invocato la verità e che la Turchia ha denunciato il grave episodio avvenuto sul suo territorio. Ma è altrettanto vero che l’Occidente è legato a doppio filo alla monarchia dei Saud. Riyadh vende petrolio, Washington lo compra e fornisce armi all’esercito più potente – e meno impegnato – del Medio Oriente. Uno scambio che lega indissolubilmente l’Arabia Saudita all’America. L’Europa non può fare a meno dei fondi sovrani e degli investimenti sauditi.

Resta da capire fino a che punto la Turchia è disposta a fare la guerra diplomatica all’Arabia Saudita, Paese con cui è sempre più in contrasto per la guerra in Siria, dove Ankara si è schierata a fianco di Mosca e Teheran, in contrapposizione a Washington e Riyadh. Ma certamente non può spingersi fino al punto di aprire una crisi.

L’unica domanda, semmai, è che segnale vanga da una simile prova di forza da parte dei Saud. Un atto che sconfina nell’arroganza ma che, secondo diversi osservatori, è rivelatore di nervosismo e fragilità da parte del Regno, che vede sgretolarsi la sua area di influenza. Persa la partita in Siria, in difficoltà in Yemen, Riyadh mostra il suo volto più feroce. Almeno a quanti non lo hanno voluto vedere finora.

In definitiva questo “non caso” ha portato almeno un po’ di chiarezza. E magari smetteremo di definire l’Arabia Saudita un “paese arabo moderato”.

 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"