Kavanaugh, primo sì al Senato per la nomina alla Corte suprema

Mondo

Al voto precedurale di oggi seguirà quello definitivo previsto per domani. Ancora da sciogliere la riserva di due senatori repubblicani. Intanto lo stesso Kavanaugh ribadisce il suo impegno ad essere un giudice “indipendente” e “imparziale”

Il Senato americano, attualmente controllato dai repubblicani, ha approvato con un voto procedurale la chiusura del dibattito sulla nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte suprema. Il voto finale per la sua conferma è previsto per domani, 6 ottobre, ed è appeso alla decisione di tre senatori ancora incerti, di cui due repubblicani. Oggi i repubblicani hanno perso il voto della senatrice Lisa Murkowski, ma hanno incassato quello del dem Joe Manchin. Prima del voto, dal Wall Street Journal, lo stesso Kavanaugh ha ribadito il suo impegno a essere un giudice “indipendente” e “imparziale”, ma ammette di essere stato “emotivo” durante la sua testimonianza in Senato. Il giudice, nominato da Donald Trump, è stato accusato da tre donne di molestie sessuali. Il presidente ha esultato su Twitter per il sì del Senato: "Sono molto orgoglioso", ha twittato.

Questione di numeri

La mozione è stata approvata con 51 favorevoli e 49 contrari. Nel voto finale previsto per domani i repubblicani, che controllano il Senato con 51 seggi contro 49, possono permettersi di perdere solo 1 voto. Lisa Murkovski dovrebbe confermare la sua opposizione, essendosi opposta anche al voto procedurale di chiusura del dibattito, anche se ha dichiarato di non aver ancora preso una decisione. Un altro senatore del Grand old party (Gop) non ha ancora sciolto le riserve: il voto di Susan Collins, che ha appoggiato il voto procedurale, resta incerto. Al contrario, il senatore repubblicano Jeff Flake, in precedenza tra gli indecisi, ha annunciato che voterà sì alla conferma del giudice "a meno che non ci siano grandi cambiamenti". Il senatore democratico Joe Manchin, in corsa per la rielezione in uno Stato "rosso" (il West Virginia), ha dato disco verde alla chiusura del dibattito ma questo non significa che voterà automaticamente sì alla conferma del giudice. In caso di parità (50 a 50) il voto del vicepresidente Mike Pence sarà decisivo, a favore di Kavanaugh.

Voto incerto

Il voto per la conferma di Kavanaugh potrebbe però complicarsi per via di un matrimonio. Il senatore repubblicano Steve Daines, infatti, intende partecipare sabato alle nozze della figlia in Montana, disertando quindi l'aula. In questo caso il Gop avrà bisogno che tutti gli altri senatori del partito votino a favore di Kavanaugh. Uno scenario, questo, che resta in dubbio. 

Indagini Fbi, Trump: accuse "totalmente non corroborate"

Intanto ieri la Casa Bianca aveva fatto sapere di non aver trovato alcuna conferma alle accuse di aggressione sessuale nei confronti di Kavanaugh, dopo aver esaminato gli ultimi accertamenti dell'Fbi, come ha scritto il Wall Street Journal citando fonti a conoscenza del dossier. Le conclusioni della Casa Bianca potrebbero comunque essere diverse da quelle dei senatori che hanno a loro volta consultato i risultati delle indagini-lampo del Bureau. Lo stesso Donald Trump, poi, è tornato a spingere per la nomina del giudice: le accuse di aggressione sessuale, a suo avviso, sono "totalmente non corroborate". I democratici hanno invece protestato e parlato di un’inchiesta “incompleta” e frettolosa. Sempre nella giornata di ieri, la polizia di Capitol Hill ha arrestato circa 300 persone che protestavano con un sit-in nell'atrio di un edificio del Senato, proprio contro la nomina di Kavanaugh alla Corte suprema. Mentre il Time ha deciso di dedicare a una delle accusatrici del giudice, Christine Ford, la sua copertina.

Le accuse contro il giudice per violenza sessuale 

Il 27 settembre Ford aveva testimoniato davanti alla commissione Giustizia del Senato Usa, raccontando quanto accaduto nel 1982 a una festa di liceali durante la quale il giudice avrebbe tentato di violentarla. Kavanaugh ha negato, parlando di “false accuse”. Ma non è solo Ford che punta il dito contro di lui: anche Deborah Ramirez ha raccontato di esser stata molestata da Kavanaugh durante gli anni Ottanta, quando i due frequentavano l'università di Yale. Altre accuse arrivano poi da Julie Swetnick: la donna sostiene che il giudice e alcuni suoi amici, durante le scuole superiori, erano noti per cercare di stuprare ragazze ubriache. "Era molto aggressivo e un ubriacone", ha raccontato Swetnick in un'intervista televisiva.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.