Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Macron vs Salvini, ecco l'UE vista con gli occhi dei Brexiters

3' di lettura

Il globalismo del Presidente francese contro il nazionalismo del Ministro italiano: per il britannico e conservatore The Spectator si riduce a questa sfida la battaglia per l'Europa. E la colpa è tutta, e solo, dell'immigrazione.

L'immagine di copertina che vedete nella foto non lascia spazio all'immaginazione. Meno che mai il titolo: "Le due Europe. Macron, Salvini e la battaglia per un continente". Se invece ci fossero dubbi, una frase chiarisce la teoria di fondo: "il nazionalismo di Salvini e il globalismo di Macron sono le due visioni in competizione per il futuro dell'Europa".

A titolare, e scrivere, così, è Christopher Caldwell sul The Spectator, settimanale dalla linea editoriale conservatrice, più vicino al Telegraph che al Times. Quindi hard brexiter, a volte chiaramente "johnsoniano", decisamente euroscettico. Gli occhi migliori, insomma, per cercare di capire come metà (poco più, poco meno) Regno Unito veda l'Unione europea. A maggior ragione quando mancano meno di 9 mesi alle elezioni per rinnovare il Parlamento di Strasburgo, la sofferenza delle grandi famiglie (popolare e socialista) è più che evidente, e tutti i test elettorali che si terranno da qui a maggio vedono lo stesso punto interrogativo: la destra più rigida, spesso xenofoba, nazionalista e antieuropea, quanto crescerà? (E, per la cronaca, occhi puntati sulla Svezia, dove si vota domenica: la nazione della qualità della vita e dell'accoglienza potrebbe regalare un risultato senza precedenti al Sverigedemokraterna ovvero il Partito democratico svedese di Jimmie Akesson).

L'Europa sarebbe un progetto fallimentare, con una visione senza prospettiva. Questa è l'impressione, leggendo l'articolo. La "battaglia" citata in copertina si riduce a una lotta sull'immigrazione - "mani in grado di aiutare o bocche da sfamare" -, lotta vissuta anche nel Regno Unito e aspetto decisivo per la vittoria referendaria; della dimensione geopolitica, storica e sociale dell'esperimento europeo non si fa neanche menzione, d'altra parte l'euroscetticismo qui è di casa. E contrariamente a quello che la vignetta lascerebbe immaginare, un "barbaro"contro un "erudito", il credito è tutto a favore di Matteo Salvini, "politico straordinario" "abile nell'eloquenza". Credito che non vuol dire endorsement, ma dovuta spiegazione di un fenomeno. Quando la Lega è in crescita in tutti i sondaggi, mentre il gradimento dell'inquilino dell'Eliseo è ai minimi.

Globalismo contro nazionalismo, dunque, tutto qui. Non che, tra i Ventisette (diamo Londra già persa), popolari da un lato e socialisti dall'altro siano stati fino ad oggi in grado di disegnare e sponsorizzare una chiave di lettura diversa, con soluzioni alternative e credibili alle giuste rivendicazioni - lavoro, sicurezza reale o percepita, opportunità - dell'elettorato.

Il ruolo di Angela Merkel sembra di molto ridimensionato. La sua spinta politica affaticata dagli errori in politica interna che si sono fatti sentire poi alle urne. E comunque, anche quando il famoso e famigerato asse franco-tedesco cerca di rinsaldarsi per offrire la sua ricetta, gli ingredienti non cambiano: "siamo qui per preparare il futuro" ha detto Emmanuel Macron accogliendo oggi a Marsiglia la Cancelliera tedesca, per poi sottolineare che l'incontro è dedicato proprio a "preparare la grande sfida del momento, quella sui temi migratori". Difficile che da questa riunione escano visioni alternative. Mentre a sinistra il silenzio avvolge tutto il continente.  

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"