Morte Regeni, Amnesty: l'Italia non abbia paura di chiedere la verità

Mondo
giulio_regeni_ansa

"In questi 31 mesi" dall'uccisione di Giulio Regeni, "le istituzioni italiane si sono mosse insicure e senza coerenza". La denuncia - arrivata all'indomani della visita del vice premier Luigi Di Maio al Cairo - è del neo segretario di Amnesty International, Kumi Naidoo

"In questi 31 mesi" dall'uccisione di Giulio Regeni, "le istituzioni italiane si sono mosse insicure e senza coerenza". La denuncia - arrivata all'indomani della visita del vice premier Luigi Di Maio al Cairo - è del neo segretario di Amnesty International, Kumi Naidoo, secondo il quale "l'Italia deve fare di più e non avere paura di chiedere la verità".

Pesani i rapporti con al Sisi

"Come si può pretendere di essere credibili quando allo stesso tempo si mantengono eccellenti relazioni con il governo egiziano?", fa notare Naidoo in un'intervista pubblicata su Repubblica. "Se sei un ministro che incontra al Sisi (il presidente egiziano) e gli metti sul tavolo la responsabilità di una pesante violazione dei diritti umani - ha continuato l'attivista - devi essere consapevole e forte del fatto che è lui a essere in una posizione di debolezza". 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.