Corea del Sud, 25 anni per corruzione all'ex presidente Park Geun-hye

Mondo
GettyImages-park

Lo ha stabilito la Corte d'Appello, che le ha imposto anche una multa di 20 miliardi di won (15,4 milioni di euro) per lo scandalo di corruzione avvenuto nel periodo in cui era a capo del Paese e che ha portato al suo impeachment

Park Geun-hye, l'ex presidente 66enne della Corea del Sud, è stata condannata a 25 anni di carcere in appello e al pagamento di una multa di 20 miliardi di won (15,4 milioni di euro) per lo scandalo di corruzione che l'ha coinvolta nel periodo in cui era a capo del Paese e che ha portato al suo impeachment. Park era stata esautorata nel marzo del 2017.

Condanna aumentata

L'Alta Corte di Seul, nella sua sentenza di appello, ha aumentato di un anno la pena richiesta in primo grado portandola da 24 a 25 anni di carcere e stabilendo una multa di 20 miliardi di won (circa 15,4 milioni di euro), più alta di quella inflitta lo scorso 6 aprile che era di 18 miliardi di won (13,8 milioni di euro al cambio attuale). La richiesta da parte dell'accusa, anche in questo grado di giudizio, è rimasta di 30 anni di carcere e 118,5 miliardi di won (oltre 91 milioni di euro).

Lo scandalo corruzione

Anche l'ex confidente di Park Geun-hye, Choi Soon-sil, era implicata nello scandalo che portò all'impeachment dell'ex presidente. Choi Soon-sil è stata condannata a 20 anni di carcere lo scorso febbraio con l'accusa di aver esercitato pressioni nei confronti dei capi delle grandi industrie sud-coreane, tra cui Samsung, e di avere ricevuto donazioni del valore di decine di milioni di euro (complessivamente 77,4 miliardi di won, pari a 59,6 milioni di euro). Questi soldi sarebbero stati destinati a due fondazioni da lei controllate, in cambio dell'elargizione di favori da parte del governo, nel quale Choi Soon-sil non aveva alcun ruolo ufficiale.

Mondo: I più letti