Attacchi squali, cancellata tappa dei mondiali di surf in Australia

2' di lettura

Le aggressioni ai surfisti negli ultimi giorni e la forte presenza di squali bianchi nelle acque vicino a Margaret River, nel sud-ovest dell'Australia, hanno costretto l'organizzazione a cancellare l'ultima gara della competizione australiana

È successo durante la World Surf League (WSL), il campionato mondiale di surf iniziato l’11 marzo. La decisione è stata presa dopo che negli scorsi giorni due persone sono state aggredite dagli squali nella zona di Margaret River, luogo della terza tappa australiana del campionato. A peggiorare la situazione una carcassa di balena ritrovata su una spiaggia vicina all'evento, possibile "esca" per gli animali della zona e quindi rimossa dalle autorità.

Circostanze insolite

"Oggi la World Surf League ha deciso di cancellare la restante parte del Margaret River Pro a causa delle circostanze eccezionali intorno all'evento di questa stagione, riguardante gli squali e la sicurezza dei nostri surfisti", ha fatto sapere la responsabile Sophie Goldschmidt. Questi attacchi sono una "realtà occasionale" per il campionato, ma le circostanze insolite ci hanno costretto a prendere questa decisione.

Il parere dei surfisti

Decisione condivisa anche dai campioni in gara. Tra questi i brasiliani Ferreira e Medina, che su Instagram hanno fatto sapere che non si sentirebbero a proprio agio a gareggiare in luoghi così vicini agli attacchi degli ultimi giorni. La competizione riprenderà il 10 maggio in Brasile.
 

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"